The Wolf of Wall Street, Matthew McConaughey spiega la scena del canto

In un video su Twitter, Matthew McConaughey ha raccontato la genesi di una delle scene più famose di The Wolf of wall street

Matthew McConaughey

Matthew McConaughey durante questa quarantena sta raccontando, attraverso dei video su Twitter settimanali, i cosiddetti McConaughey Takes, vari retroscena che riguardano la sua carriera, i suoi film più famosi e le sue interpretazioni più memorabili. Nell’ultimo di questi appuntamenti il focus è stato posto su The Wolf of Wall Street ed in particolare su una delle scene più famose del capolavoro di Martin Scorsese: quella nella quale il suo personaggio, Mark Hanna spiega al giovane Jordan Belfort (Leonardo DiCaprio), alcuni trucchi del mestiere durante un pranzo di lavoro.

https://platform.twitter.com/widgets.js

A volte hai una battuta nel copione che accende l’immaginazione. Se la scomponi, allora sul tuo personaggio trovi un’enciclopedia. La battuta di Mark Hanna è questa, mentre spiega come fare soldi al personaggio di Leonardo, dice “Il segreto sono cocaina e prostitute”. L’ho letta e ho pensato “Se questo tizio ci crede sul serio, che razza di persona è?”

Questa battuta è da dove è partita l’intuizione dell’attore premio Oscar per Dallas Buyers Club che ha deciso di improvvisare una sorta di canto, divenuto poi vero e proprio inno, battendosi col pugno sul petto.

Cantare è qualcosa che faccio in molti film. É un modo di rilassarmi, essenvdo musicale mi libera la mente perché non voglio pensare come un attore, voglio solo agire. Lo facevo prima di ogni scena e al ciak iniziavo. Mi aiuta a modulare la voce. Mentre preparavamo la scena successiva a quella del pranzo, Leonardo mi ha detto “Cos’è quella cosa che fai prima di ogni ciak? Se la mettessimo in scena?

Da questo semplice scambio di battute è nata una delle scene più famose e iconiche di uno dei film più amati dello scorso decennio. Voi che ne pensate di questa storia?

Continuate a seguirci su LaScimmiapensa.com per nuovi approfondimenti.