Dance Of Seven Veils, ecco il controverso film di Ken Russell dopo 50 anni

dance of seven veils

Una censura lunga ben cinquanta anni. Mezzo secolo in cui il controverso Dance Of Seven Veils è stato riposto in un angolo e mai proiettato, eccezion fatta per una semplice volta sulla BBC. Era il 1970 e Ken Russell sconvolgeva l’intera Inghilterra, come al suo solito. Ma la famiglia di Richard Strauss si dichiarò indignata da questo film. I motivi sono presto detti.

Il titolo infatti riprende proprio il titolo di una delle opere più famose del compositore Richard Strauss. La sua famiglia ne concesse i diritti, salvo poi ritirarli nell’immediato, appena dopo la prima messa in onda sulla BBC di Dance Of Seven Veils. Un’ora scarsa di film che bastò a scatenare commenti ben poco felici su questo film.

Nulla di nuovo all’orizzonte se ad essere coinvolto è proprio Ken Russell, regista che scandalizzò il mondo con I Diavoli. Tuttavia, in Dance Of Seven Veils non ci fu alcuna accusa di blasfemia, quanto più stroncature a causa delle scene di sesso e violenza gratuite.

Leggi anche: i migliori film estremi e disturbanti

Impietosi, i critici inglesi dopo la messa in onda. Ancor di più la famiglia Strauss, tanto per le scene di sesso menzionate quanto perché Ken Russell dipinse Strauss come simpatizzante nazista. E così ritirarono il film senza mai più riproporlo. Fino ad oggi.

Come afferma la BBC, infatti, i diritti d’autore sono decaduti e quindi adesso sarà possibile dare una seconda vita a Dance Of Seven Veils. Con la speranza che non ci siano più indignati per questa controversa opera. Tuttavia, la risposta del regista sarebbe sempre la stessa.

“Uno degli scopi del film è stato quello di scioccare i critici e gli spettatori compiacenti che siedono per ore e ore a guardare pubblicità. Sono partito per fare un film su Richard Strauss e sentivo che tutto ciò che mostravo era necessario per presentare la mia idea di quest’uomo. La mia intenzione era quella di dipingerlo a grandi linee. Volevo contorni forti e duri per mettere in evidenza gli aspetti di quest’uomo e del suo lavoro che per me sono stati trascurati. Strauss era un uomo ‘pubblicitario’, volgare, commerciale”

Non resta che attendere ulteriori novità firmate BBC su un’eventuale release del film, magari anche direttamente in home video. Difficile pensare che Dance Of Seven Veils rimanga chiuso in uno stanzino per ancora molti anni.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!