Elodie: recensione dell’album This is Elodie

Elodie vuole imporsi come il nuovo astro nascente del pop italiano

Elodie
Elodie nel video di Verrà da sé

Elodie è sempre stata considerata una delle più promettenti figure femminili del pop italiano. È un dato di fatto e This is Elodie ne è la conferma.

Il talento di Elodie Di Patrizi, in arte semplicemente Elodie, è stato unanimemente accettato dalla critica nostrana fin da subito, con il termine del suo florido percorso ad Amici, il talent show presentato da Maria de Filippi che, dopo X-Factor, si posiziona nel podio delle più celebri trasmissioni a stampo musicale del palinsesto nazionale. Ciò nonostante, è solo con la pubblicazione di This Is Elodie, frutto dell’evoluzione che l’ha coinvolta negli ultimi due anni, che ci si è resi conto del valore effettivo del suo talento.

Cominciato con la pubblicazione di Nero Bali, singolo in cui la cantante italo-francese collabora con Michele Bravi e Guè Pequeno, l’interessante processo di cambiamento che ha coinvolto Elodie e ne ha rivoluzionato lo stile musicale ha raggiunto il proprio apice con la sua ultima esibizione a Sanremo, dove la giovane ha cantato con un’eleganza innata Andromeda, l’ouverture di This is Elodie, il suo ultimo e impeccabile album.

Sono tante le penne più rilevanti dell’attuale panorama musicale nazionale che hanno aiutato Elodie nella costruzione dell’ultima creazione musicale. Potremmo citare, tra gli altri, Mahmood, Carlo Coraggio e Federico Bertollini (anche se forse, il duo Carl Brave x Franco126 riesce a dirvi molto di più), Cesare Cremonini e Margherita Vicario. Tutti nomi che, orchestrati dall’estro artistico della stessa cantante, hanno contribuito alla realizzazione di quello che sembra essersi rivelato l’album più convincente della kermesse sanremese.

La cantante sembra finalmente aver trovato la sua dimensione, la sua anima.

L’ultima creazione della cantante italo-francese può essere etichettato attraverso una semplice e unica parola: moderno. La musica di This is Elodie è interamente circoscrivibile nel concetto di contemporaneità, un ideale che permea interamente l’album e influenza ogni sua caratteristica: gli arrangiamenti e gli strumenti utilizzati, gli stili di scrittura e le sonorità. Ogni brano si trasforma in una hit in cui la ricercatezza delle basi è accompagnata da una limpidezza vocale che oramai è propria di poche cantanti italiane. Ogni refrain prende le forme di un ritornello radiofonico che tutti, anche le mamme in coda in tangenziale, impareranno a memoria e non si stancheranno mai di canticchiare.

This is Elodie è un album impeccabile e confezionato alla perfezione che ci presenta una Elodie multi-cromatica e dalle mille sfaccettature, una Elodie che si muove abilmente in un paesaggio urbano dalle tinte tropicali e che si presenta a noi in una veste inedita. L’indirizzo artistico inaugurato con questo album e intrapreso da Elodie, desiderosa di rivoluzionare il suo precedente passato musicale e di cancellare ogni caratteristica sonora che l’aveva precedentemente definita, è ben chiaro fin dal primo brano di apertura e questa volta non ci ha annoiati. Tuttavia, bisogna ricordarsi che, con il passare del tempo, la prevedibilità potrebbe rivelarsi una pericolosissima arma a doppio taglio.

Leggi anche:
Sanremo 2020: i 10 artisti in gara con maggiore crescita su Instagram
Sanremo 2020: serata cover, le nostre pagelle

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.