Chris Martin: “pensavo di essere gay e omofobo a causa della religione”

Chris Martin, leader dei Coldplay, ha raccontato come durante gli anni della gioventù, ha pensato di essere gay e omofobo a causa dei precetti religiosi

Coldplay
Coldplay - Credit: Kevin Mazur/AMA2015/WireImage

Chris Martin, frontman dei Coldplay, durante una lunga intervista a Rolling Stone, ha voluto raccontare una parte molto delicata e difficile della sua vita.

Il cantante britannico infatti proviene da una famiglia molto religiosa ed ha avuto un’istruzione all’interno di un collegio, cosa che l’ha portato ad avere diversi problemi con la concezione di giusto e sbagliato nell’ambito dell’orientamento sessuale.

Ero solo un ragazzino che scopriva quale fosse il suo orientamento, volevo capirlo. Ero terrorizzato dal poter essere gay; poi ho incontrato dei ragazzi che dicevano ‘come fossi “decisamente gay”. Pensavo ’Non so se sono gay, ma anche se lo sono non potrò mostrarlo perché è una cosa sbagliata.

Per fortuna col passare del tempo Chris Martin ha trovato una sua pace interiore oltre ad una maturità di pensiero che gli ha permesso di abbattere tutti i pregiudizi con i quali è cresciuto.

La svolta nella mia vita è arrivata quando avevo sedici anni: la mia mente si è improvvisamente aperta. Ho pensato: “Ok, molti dei miei miti, tra i quali Elton John, sono gay, quindi cosa ci sarebbe di male se lo fossi anche io?’. A quel punto ho messo in dubbio quello che avevo imparato dalla religione. Non ero più così sicuro di voler credere a tutto. Adesso Dio per me è tutto quello che è amore: nient’altro.

Che ne pensate delle parole di Chris Martin? E’ giusto non credere a tutto quello che la religione ci dice, anche essendo credenti?

Leggi anche:

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale,La Scimmia sente, la Scimmia