Silvio Muccino avrebbe lasciato il cinema e per diventare falegname

Silvio Muccino lascia il Cinema e diventa Falegname
Silvio Muccino lascia il Cinema e diventa Falegname

UPTADE:  l’agenzia di Silvio Muccino, la CDA Studio Di Nardo, ha smentito la notizia a TGCOM24: “E’ una fake news, non ha aperto un mobilificio artigianale”

Basta cinema per Silvio Muccino? Effettivament, da almeno un anno, se ne erano perse le sue tracce, considerata la sua ultima pubblicazione letteraria, Quando Eravamo Eroi. Ben due sono invece trascorsi dalla sua ultima apparizione su un film, l’acclamato The Place di Paolo Genovese. Secondo la rivista Chi, questa assenza dai set potrebbe essere definitiva nonché scelta di vita.

 Chi racconta che Silvio Muccino avrebbe lasciato il set per andarsene in Umbria a lavorare il legno. Aprendo quindi un mobilificio di prodotti per la casa interamente fatti a mano. E sembra anche che l’attività stia andando piuttosto bene. Un allontanamento dal mondo del cinema volontario quindi. O magari un momento di pausa per investire tempo in soldi in un’altra attività? Vedremo.

Fratello minore di Gabriele, regista del recente A Casa Tutti Bene, Silvio Muccino ha esordito nel cinema proprio grazie al fratello che lo scelse come protagonista nel suo Come Te Nessuno Mai del 1999. Da lì in poi, ha sempre lavorato nel cinema italiano con una certa costanza e con autori di tutto rispetto come Dario Argento ne Il Cartaio. Un enfant prodige del cinema italiano? Lo dirà la storia.

Nella filmografia di Silvio Muccino troviamo anche tre lungometraggi e svariati videoclip girati per Gianluca Grignani nonché Negramaro e Ligabue. L’esordio al di qua del set arriva nel 2008 con Parlami D’Amore, tratto dal suo stesso romanzo e di cui è anche attore protagonista. Il film gli valse il premio David Di Donatello Giovani.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!