Sherlock Holmes, 5 curiosità sul film con Robert Downey Jr

In occasione del passaggio di Sherlock Holmes in TV, ecco cinque curiosità sul film di Guy Ritchie con Robert Downey Jr. e Jude Law

Sherlock Holmes è il film con cui il regista Guy Ritchie ha in qualche modo riscritto il celebre personaggio del detective nato dalla penna di Sir Arthur Conan Doyle. Il regista britannico ha preso la mente geniale del protagonista e anche il suo bisogno di essere stimolato da casi interessanti che sfidano la sua intelligenza, e lo ha reso un uomo aitante, battagliero, quasi del tutto privo della dipendenza da sostanze stupefacenti.

Sherlock Holmes: la trama

Uscito nell’ormai lontano 2009, Sherlock Holmes vede dunque Robert Downey Jr. nei panni del famoso investigatore e Jude Law in quelli del veterano di guerra John Watson. La storia di Sherlock Holmes ruota intorno ad una minaccia che rischia di mettere in ginocchio l’intera Inghilterra per mano di un gruppo di uomini capitanati da Lord Henry Blackwood (Mark Strong).

Su Londra grava una minaccia che sembra avere a che fare con entità infernali, quasi soprannaturali, che spingono Sherlock a indagare sempre più a fondo, tra sette segrete e attentati da sventare, mentre il suo migliore amico e fidato alleato è pronto a convolare a giuste nozze.

In occasione del passaggio di Sherlock Holmes questa sera su Italia 1 alle 21.20, ecco alcune curiosità che potrebbero esservi sfuggite sul film di Guy Ritchie.

Le Arti Marziali

Nelle storie originali di Sherlock Holmes, l’investigatore dalla mente brillante pratica a livello esperto il Baritsu. Nel film, invece, l’arte marziale che Sherlock Holmes usa è il Kung Fu Wing-Chun, diventato famoso per essere utilizzato tanto da Ip Man Yee quanto da Bruce Lee. L’interprete di Sherlock, Robert Downey Jr., pratica questo tipo di Kung Fu anche nella vita vera. La scena dello scontro tra lui e David Garrick al Punch Bowl Pit è stato addirittura coordinato dall’istruttore di Robert Downey Jr.

Sherlock Holmes

Jack Lo Squartatore

Sherlock Holmes si presenta come un film che non nasconde i molti omaggi all’opera originale di Conan Doyle, nonostante le differenze apportate da Guy Ritchie. Molte frasi che Robert Downey Jr. pronuncia nel corso del film derivano direttamente dalle pagine dell’opera letteraria, come ad esempio la frase My mind rebels at stagnation. Give me problems, give me work che viene direttamente da Il Segno dei Quattro. Ma il film presenta anche riferimenti all’immaginario collettivo riconducibile alla Londra di quegli anni. Non è un caso, dunque, che Lord Blackwood venga accusato dell’omicidio di cinque donne: il rimando agli efferati crimini di Jack Lo Squartatore è lampante.

Sherlock Holmes e Harry Potter

Intorno al minuto 02.27 della pellicola di Guy Ritchie, si vede Sherlock Holmes che corre lungo una scala a chiocciola. Si tratta della stessa scala usata e vista in Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban (2004) che viene usata dagli studenti di Hogwarts per raggiungere l’aula di divinazione. All’interno del film ci sono riferimenti anche ad altri film: la frase che Blackwood pronuncia Death is only the beginning è, ad esempio, le stesse parole incise nel sarcofago di Imhotep ne La Mummia.

Sherlock Holmes e il Marvel Cinematic Universe

In Sherlock Holmes c’è anche Rachel McAdams, che presta il proprio volto ad Irene Adler. Sebbene il personaggio appaia davvero molto poco nell’opera letteraria di Sir Arthur Conan Doyle, nel film di Guy Ritchie, invece, ha un ruolo abbastanza importante. Rachel McAdams ha recitato anche in Doctor Strange, nei panni della dottoressa Christine Palmer, interesse amoroso di Stephen Strange, interpretato da Benedict Cumberbatch, che è il volto di Sherlock, serie della BBC tratta dai romanzi di Arthur Conan Doyle. Sia Robert Downey Jr. che Benedict Cumberbatch fanno parte del MCU, come Iron Man e Doctor Strange. I due hanno anche recitato insieme negli ultimi due capitoli di Avengers: Infinity War e Endgame. Inoltre in Shelock Holmes ci sono altri attori che fanno parte del mondo dei cinecomic. Lo stesso Jude Law, ad esempio, è apparso in Captain Marvel nei panni di Yon-Rogg.

Avengers Iron Man Doctor Strange Sherlock Holmes

La voce di Moriarty

Nel trailer originale del film Moriarty, che viene visto solo come un ammasso di ombre, ha la voce di un attore sconosciuto. Il trailer, infatti, venne realizzato prima che Jared Harris venisse ufficialmente scelto per interpretare la nemesi di Sherlock Holmes nel film successivo: Sherlock Holmes – Gioco di Ombre, che sarebbe arrivato al cinema due anni dopo. Prima di Jared Harris alcuni rumors annunciarono che Brad Pitt era in lizza per interpretare il professor Moriarty, ma non ci sono mai state notizie ufficiali a riguardo.

Ad ogni modo, dopo la scelta del personaggio, il trailer è stato doppiato di nuovo con la voce di Jared Harris in modo da preservare la continuità sia per i DVD che per i passaggi in televisione.

Per altre curiosità e approfondimenti su Sherlock Holmes continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com!