The Witcher: la serie Netflix al Lucca Comics

Un incontro a porte chiuse con la showrunner Lauren Schmidt Hissrich e le due protagoniste femminili

The Witcher
- Credits: Henry Cavill / The Witcher - Netflix

Dopo l’incredibile successo dell’omonimo videogioco, Netflix gioca la carta serie tv.

Entrambe le opere sono tratte dalla serie di romanzi e racconti di Andrzej Sapkowski, creatore del mondo di The Witcher. Al Lucca Comics and Games abbiamo avuto l’opportunità di ascoltare la showrunner Lauren Schmidt Hissrich e le due protagoniste femminili Anya Chalotra (che interpreta Yennefer) e Freya Allan (Ciri). Lauren Schmidt Hissrich ci ha confidato di essere un’ardita fan delle opere di Sapkowski e di averle lette ben un anno prima della chiamata di Netflix. Ha chiarito inoltre le varie divergenze con il famosissimo videogioco mettendo in chiaro come i tue format artistici abbiano molto in comune usando però linguaggi spesso contrapposti.

Una delle sfide più grandi è stata quella di riassumere qualcosa come 4000 pagine in una serie televisiva, rispettandone i tempi e le dinamiche. Lo stesso Sapkowski è stato interpellato in merito per mantenere il massimo rispetto delle sue opere. Sempre Lauren Schmidt Hissrich comunica che i tempi han costretto ad anticipare alcune situazioni, altrimenti il personaggio di Ciri (ci ride su) sarebbe apparso alla terza stagione. Per completare l’intero arco narrativo che unirà i tre protagonisti, sono stati aggiunti alcuni personaggi. Ciri si troverà completamente sola a lungo ed è stato necessario l’utilizzo di un nuovo personaggio per estrapolare al meglio i pensieri della ragazza. Per differenziare la serie dal videogioco la produzione ha scelto di girare il tutto con il minor utilizzo possibile di computer grafica. Un ulteriore distacco dalla controparte ludica è incentrato sull’uso e il disegno dei costumi.

Yennefer e Ciri attraverseranno un’avventura magica in The Witcher.

Le due protagoniste si sono raccontate e hanno rivelato i loro trascorsi sul set. Per entrambe la figura di Henry Cavill è stata essenziale. Sia per la recitazione, i consigli sulle scene d’azione e la rappresentazione di un personaggio iconico, Cavill è stato una vera e propria guida. Entrambe non avevano idea di quanto la fandom di The Witcher fosse gigantesca e appassionata. Lavorare otto mesi in splendide location come le Canarie è stato un vero e proprio regalo ha riferito Anya Chalotra. Stesso entusiasmo nel collaborare con i vari stuntman. Freya Allan con Ciri ha dovuto affrontare meno azione ma molte più galoppate a cavallo.

Sia Yennefer che Ciri dimostreranno di essere donne forti, svelando anche il loro lato più emotivo e sensibile. La storia metterà al centro 3 orfani il cui fato è legato. All’interno della serie ci sarà spazio per mostri e magia ma anche una lettura politica più profonda che parlerà di xenofobia, sessismo e razzismo. La showrunner ci comunica inoltre che l’attenzione agli spoiler e la fuga di informazioni durante le riprese è fortemente sentita e sia il cast che Netflix ha adoperato fortissime restrizioni in modo che nessuna notizia potesse rovinare l’esperienza della visione.

Leggi anche:
The Witcher: trailer e data di uscita dell’attesa serie Netflix
The Witcher: Henry Cavill è Geralt nelle prime immagini ufficiali

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com