Joker, il cantante Gary Glitter nonostante sia un pedofilo riceverà le royalties

Gary Glitter, nonostante sia un pedofilo, riceverà le royalties grazie al suo brano Rock and Roll, Part 2, presente nel film Joker

Joker, il cantante Gary Glitter riceverà le royalties

Joker è sbarcato nelle sale lo scorso 4 ottobre, riscontrando un successo incredibile al botteghino. Nonostante il film abbia ricevuto molti apprezzamenti, è stato piuttosto criticato il punto di vista dei produttori del film, che hanno ricevuto molte critiche da parte degli spettatori.

Il motivo di tali critiche è dovuto al fatto che il noto cantautore britannico, Gary Glitter, riceverà le royalties, grazie alla presenza del suo brano Rock and Roll, Part 2. Gary è stato arrestato nell’ottobre 2012 nell’ambito dell’Operazione Yewtree, un’indagine piuttosto importante da parte della polizia su presunti abusi sessuali a danni di minori.

Potrebbe interessarti: Joker, Todd Phillips risponde alle speculazioni sul finale

Il cantautore ha iniziato a scontare la sua pena di 16 anni nel 2015 per tentato stupro, aggressione indecente e rapporti sessuali con una ragazza di età inferiore ai 13 anni, i suoi crimini furono commessi negli anni 70 e 80. Inoltre il cantante rock fu precedentemente incarcerato nel 1999 per possesso di immagini di abusi su minori.

Sam Meredith, giornalista della CNBC, ha riportato che Glitter, il cui vero nome è Paul Gadd dovrebbe ricevere una somma di denaro per aver consentito l’utilizzo del brano all’interno del film. Tale evento, ha scatenato l’ira degli spettatori che si sono scagliati contro i produttori, accusandoli di portare del denaro nelle tasche di un pedofilo.

Ricordiamo che il brano Rock and Roll, Part 2 è pienamente messo in evidenza in una delle scene più iconiche del film.

Leggi anche: Oscar 2020, Joker: molti membri dell’Academy già lo snobbano

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com

CONDIVIDI
Articolo precedenteBurzum: nuovo album in arrivo
Prossimo articoloI Cure hanno pronti tre album
Grande appassionato di Cinema, coltiva la sua passione per la Settima Arte divorando pellicole di ogni genere, da Kurosawa a Bergman, passando da Cronenberg a Mario Bava, fino al cinema Tarantiniano. Il suo regista preferito è Pasolini, il suo film preferito.... Saló o le 120 giornate di Sodoma.