Sas: Rogue Heroes, Steven Knight a lavoro sulla serie

La serie racconterà la storia di come è nata la famosa unità britannica

rogue heroes

Il creatore di Peaky Blinders, Steven Knight sta adattando il bestseller del libro SAS: Rogue Heroes per la BBC.

La serie drammatica si baserà sul romanzo di Ben Macintyre, che racconta la storia di come è nata l’unità delle forze speciali più famosa e spietata del mondo, la SAS. Come v avevamo anticipato, il protagonista dovrebbe essere Tom Hardy, attore che ha già collaborato con lo showrunner nella serie dedicata alle vicende della famiglia Shelby.

Leggi anche: Peaky Blinders, ecco la data di uscita della quinta stagione

Knight (Peaky Blinders, Taboo, A Christmas Carol) adatterà la serie in sei parti, che sarà prodotta da Kudos (proprietà di Endemol Shine UK), ente televisiva che tra la varie si è dedicata alla realizzazione di altri prodotti come Broadchurch, The Tunnel e Humans.

Con Rogue Heroes appresenteremo vicende di soldati eccezionali che decisero l’esito di battaglie e interi conflitti con le loro gesta eroiche, ingiustamente scomparse nell’ombra per l’alone di segretezza che aggrovigliava le loro operazioni.

“Faremo luce su eventi straordinari basati su fatti realmente accaduti e sopravvissuti a noi grazie alle testimonianze di individui che ne hanno fatto parte”, ha concluso Knight.

Leggi anche: Peaky Blinders: nuovi aggiornamenti su possibili film e spinoff

SAS: Rogue Heroes è stato fortemente voluto da Piers Wengers, controller di BBC Drama, e Charlotte Moore, direttrice di BBC Content. Sarà prodotto, invece, da Karen Wilson, Martin Haines ed Emma Kingsman-Lloyd per Kudos, mentre per BBC One, il nome dietro alle quinte, sarà quello di Tommy Bulfin.

Come nel libro, l’obiettivo della serie tv è quello di proiettare la nascita di un pensiero rivoluzionario e che ha poi portato alla creazione di un nuovo modello di schermaglia militare e di conflitto.

Perno fondamentale dello show sarà la narrazione che metterà in auge l’azione e il cameratismo nel cuore di questa storia, lasciando il tempo anche per sottotesti complessi come la psicologia dei soldati e di individui liberi, coraggiosi e forse, anche un po’ irriverenti.

Non rimane altro che aspettare i giorni più cupi della Seconda Guerra Mondiale e la nascita della SAS con questa produzione che promette decisamente bene.