Polynesia: Gazzelle, l’indie pop, l’estate e il 2049

Polynesia è il nuovo singolo di Gazzelle, presentato con un video nel quale il protagonista invecchiato viaggia nel tempo per salvare se stesso.

Il cantautore romano Gazzelle ha pubblicato il nuovo singolo Polynesia con videoclip

Il nuovo video del cantautore Gazzelle presenta il brano estivo Polynesia.

Il 21 giugno è uscito il videoclip di Polynesia del cantautore romano Gazzelle. Ma facciamo un passo indietro… chi è Gazzelle?

Flavio Bruno Pardini, in arte Gazzelle, è uno dei principali esponenti della nuova scena indie pop italiana. Un timbro sporco e un’intonazione non sempre impeccabile (alla Calcutta), combinati con testi malinconici e nostalgici (alla Niccolò Contessa), ed ecco che prende forma lo stile di Gazzelle.

Reso celebre, tra gli amanti del genere, da brani come Quella te, Zucchero filato, Non sei tu e Nmrpm, Gazzelle trova spazio dapprima nella scena indipendente e, successivamente, nel mainstream nostrano. A favorire la crescita e il successo dell’artista ha senza dubbio contribuito l’affermazione dell’intero genere indie pop, ultimamente anche rinominato “Itpop”, degli ultimi anni.

Il cantautore romano Gazzelle in concerto.

Polynesia, un nuovo singolo pronto ad affermarsi come tormentone estivo indie.

Gazzelle sceglie di vincere facile nell’estate 2019 con un brano farcito con tutti gli ingredienti immancabili di una hit estiva. Polynesiaracconta una triste storia d’amore alla quale fanno da contorno l’inizio della stagione estiva, le vacanze, il mare, i ricordi e la malinconia.

Per affiancare l’uscita del singolo, Gazzelle (con l’etichetta Machiste Dischi) ha realizzato e pubblicato un interessante videoclip. La prima scena è ambientata nel 2049 in una desolata periferia romana, dove l’artista, invecchiato di trent’anni e visibilmente trasandato, è intento a lavorare a un curioso progetto. Il Gazzelle del 2049, come un moderno Doc di Ritorno al futuro, sta costruendo una macchina del tempo per ritornare nel 2019.

“Periferia di Roma 2049” è la scritta che introduce il video. Una baracca sporca e disordinata ed un vecchio musicista (Gazzelle) che in una delle scene iniziali fa rabbiosamente a pezzi una chitarra. Lavora, beve e mostra tutta la sua frustrazione, finché non riesce nel suo intento: sale a bordo della sua macchina del tempo (che ha la suggestiva forma di un vecchio bagno chimico) e parte in direzione 14:02 di venerdì 21 giugno 2019.

“Roma centro 2019” ed ecco che il protagonista viene catapultato nel suo passato. Giunge a quel momento in cui, per inesperienza, ha mandato la sua vita a rotoli con una firma. Iniziano così a scorrere in parallelo le scene dei due Gazzelle. Quello del presente e quello del futuro, fino al fatidico incontro. L’anziano viaggiatore nel tempo riesce ad avvertire il giovane artista delle conseguenze della sua possibile scelta sbagliata.

Un video originale, che vede il protagonista viaggiare nel tempo per redimersi.

Il video prodotto da Machiste Dischi del brano Polynesia del cantautore Gazzelle.

“Non mi va di andare al mare
Non mi va, ah, la Polynesia
Non mi va che arrivi l’estate e puoi fare cose
Voglio scappare”

Dalle parole del ritornello traspare il rifiuto del cantautore di allinearsi alla voglia di estate, spiaggia, sole, mare tipica dei tormentoni estivi. E c’è poi chi, tra i commenti di YouTube, ironizza contrapponendo il “Non mi va di andare al mare” di Gazzelle a “Oggi voglio andare al mare” del già celebre tormentone di Coez.

La linea che separa quel che viene ancora chiamato Indie dal Pop dei tormentoni estivi si assottiglia sempre più. E chissà, forse presto anche Gazzelle potrebbe finire all’interno della nostra rubrica Estate Italiana: le frasi più imbarazzanti dei tormentoni estivi. Come d’altronde è già successo l’anno scorso ai The Giornalisti di Tommaso Paradiso.

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.