Pet Sematary: il finale scartato di Stephen King

Stephen King, già autore del romanzo da cui il film è tratto, aveva proposto un finale alternativo per Pet Sematary. Ecco come sarebbe dovuta andare

Pet Sematary, il film tratto dal romanzo ominimo del re dell’horror Stephen King, arriverà nelle sale il prossimo 9 Maggio. La storia si concentra sulal figura di Louis Creed (Jason Clarke) che insieme alla moglie Rachel (Amy Seimetz) e ai figli Gage e Ellie, si trasferisce in una piccola cittadina del Maine, lasciandosi alle spalle i profili più cosmopoliti di Boston. A seguito di un evento tragico e decisamente destabilizzante, Louis chiederà consiglio e supporto al vicino di casa Jud Crandall (John Lithgow), senza sapere che da lì a poco per la famiglia Creed inizierà una lenta discesa in un orribile girone infernale.

A quanto sembra uno degli aspetti più complicati nella produzione del film diretto da Dennis Widmyer e Kevin Kolsh è stata trovare un finale che rendesse giustizia alla storia. Infatti sono state scritte tantissime versioni di come la narrazione sarebbe giunta alla conclusione e un paio di queste idee sono diventate realtà quando sono state girate. Tra queste c’era anche quella che rimaneva il più fedele possibile a quello del libro, quello che gli appassionati di Stephen King probabilmente ricordano a memoria. In un secondo momento due dei finali che concorrevano ad essere quello che poi verrà mostrato al cinema sono stati mostrati al pubblico, in un test-screening. Secondo il produttore Lorenzo di Bonaventura è stato il finale nuovo e originale ad avere la risposta migliore dall’audience, rispetto a quello tratto direttamente dal romanzo originale. E proprio a questo proposito il produttore ha detto: “Molto spesso coi finali devi solo permettere al pubblico di dirti quello che sentono“.

Forse, però, non tutti sanno che in fase di lavorazione l’autore del libro Stephen King aveva proposto un finale diverso da quello immaginato.

ATTENZIONE: Sebbene il finale di King sia stato scartato, quanto segue potrebbe essere percepito comunque come uno spoiler.

Un finale in cui si sarebbe visto Gage camminare in mezzo alla strada, quando l’alba comincia ad irrompere all’orizzonte e si sente il rumore delle ruote di un furgoncino in avvicinamento. A questo punto Gage si sarebbe convinto di morire così, finendo sotto le ruote di un furgoncino quasi fantasma. Ma, proprio all’ultimo momento, sarebbe apparsa una donna che lo avrebbe tirato via dalla strada, mettendolo in salvo e chiedendogli: “Dove sono la tua mamma e il tuo papà?”. Con queste parole Stephen King aveva descritto la sua versione del finale del film agli autori, che tuttavia non accettarono il suggerimento.

A quanto sembra, comunque, i produttori e gli autori hanno scelto di prendere la direzione che portava al finale più oscuro tra le varie possibilità. Le loro intenzioni sono sempre state chiare e non hanno mai davvero pensato alla possibilità di un happy ending per il film, come ha sottolineato lo sceneggiatore Jeff Buhler: “Siamo in un film horror, gente“.