Jude Law canta per il costumista di The New Pope

Durante la festa di compleanno del costumista di The New Pope, Jude Law si è scatenato al Karaoke sotto gli occhi del regista Paolo Sorrentino

Jude Law

Paolo Sorrentino ha da poco concluso le riprese di The New Pope, la serie che vede il ritorno di Jude Law nelle vesti bianche che aveva già indossato in The Young Pope.

Tuttavia l’interprete britannico non ha lasciato la città eterna, anzi. In occasione del compleanno del costumista Luca Canfora che si è tenuto nella Galleria d’Arte di Via Urbania, Jude Law non ha rinunciato a dar mostra di sé con il karaoke. Mentre gli altri invitati ballavano e chiacchieravano, l’interprete del giovane Albus Silente della saga di Animali Fantastici ha preso possesso del microfono e si è lanciato in una sorta di one-man show.

Prima si è dilettato con un omaggio alla musica del suo paese d’origine con Hey Jude dei Beatles, un classico senza tempo; poi ha allenato il suo italiano con due intramontabili della canzone neomelodica partenopea come Tu vuo’ fa l’Americano e O’Sarracino. Durante questa seconda esibizione si vede anche Paolo Sorrentino che assiste all’esibizione e ad un certo punto di Tu Vuo’ fa l’Americano Jude Law sembra rivolgersi proprio al suo regista, come se la canzone fosse dedicata a lui.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

The private party. #judelaw #judelawrussianfans #rome #thenewpope #paolosorrentino

Un post condiviso da @judelaw.russianfans (@judelaw.russianfans) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#festadilucacanforaalkublakhansushirestaurant#setdiyoungpope#paolosorrentino#judelaw

Un post condiviso da livialupa (@livialupa) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

At Luca Canfora’s birthday party. #judelaw #judelawrussianfans #paolosorrentino #privateparty

Un post condiviso da @judelaw.russianfans (@judelaw.russianfans) in data:

La festa è durata circa fino alle due di notte e insaporita dalle scelte dello chef del locale, che si è destreggiato in un’offerta culinaria che miscelava la tradizione della cucina napoletana con quella giapponese.