Ascolta la canzone perduta di Miles Davis, Rubberband

Spunta dal 1985 un pezzo jazz/future-funk che Miles Davis aveva accantonato.

All’improvviso, sul web è spuntato un EP attribuito a Miles Davis, intitolato Rubberband EP. Trattasi in realtà di varie versioni di una singola traccia, sulla quale il leggendario trombettista stava lavorando nel 1985, ma che abbandonò per dedicarsi alle sessioni di registrazione del famoso album Tutu (per approfondire vedi questo articolo). La canzone, dal titolo Rubberband, è rimasta accantonata fino ad oggi, allorché i produttori Hall and Giles hanno deciso di riprenderla in mano.

Risultati immagini per miles davis 1980s

La traccia è presentata in varie versioni diverse, con featuring, remix e diversi arrangiamenti. Tuttavia il nucleo originale, nelle intenzioni di Miles Davis, sembra essere stato mantenuto intatto. Si possono infatti cogliere tutti i segnali della direzione che l’artista stava seguendo all’epoca: un jazz/funk elettronico che accoglie le influenze della new wave. Nelle varie altre versioni, ricreate dai produttori per completare e far rivivere la musica di Miles, abbiamo invece accenti di trip-hop, R&B e, per forza, hip-hop. Tutte direzioni che Davis mostrava di voler seguire, fino al suo ultimo album. Si tratta quindi in qualche modo di interpretare l’eredità e il lascito del grande musicista, e a nostro parere questo EP ci riesce più che bene.

Fonte: “www.jazzviews.net”

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe differenze tra libri e film che i fan di Harry Potter odiano
Prossimo articoloCi sarà uno special natalizio di Sabrina!
Nato a Palmanova il 26 ottobre 1989, vivo ad Aquileia. Sono autore, scrittore, critico musicale e social media manager. Laureato al DAMS di Gorizia e conseguita laurea magistrale in Discipline della musica, dello spettacolo e del cinema/Film and audiovisual studies. Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here