Altri 10 album math rock che dovreste conoscere

math rock
Condividi l'articolo

Il math rock è qualcosa che assomiglia molto alla tela di un ragno: quasi invisibile, eppure fittissima.

E apparentemente tutta uguale, intessuta magistralmente ma senza creatività. Un sottogenere dell’hardcore punk nato alla fine degli anni ’80 ad opera di vari “ragni” che piano piano hanno iniziato a costruire la delicatissima trama, arrivando poi a tessere più o meno tutti la stessa cosa, e chi conosce un minimo il genere saprà quanto sia difficile trovare un disco math rock che suoni “fresco”.

Noi però siamo fermamente convinti che questa tela sia ben più ramificata di quanto possa sembrare, e abbia alcuni scorci non adeguatamente illuminati dalla luce suprema della critica musicale che invece meriterebbero il loro raggio di sole. Non siamo sicuri che uno dei ragni artefici di questa tela si trovi in uno di questi scorci, ma sicuramente possiamo affermare che a questi ultimi ci tiene particolarmente e nel tesserli ci abbia messo qualcosa in più, che si chiami tapping, scream o genialità.

LEGGI ANCHE:  Russian Circles - Recensione di Guidance

Abbiamo selezionato 10 dischi math rock che ci sembrava opportuno “illuminare”.

10. The Fall Of Troy – Doppelganger (2005)

Doppelganger, ossia il gemello malvagio; quarantaquattro minuti in cui si alternano le due facce dei The Fall Of Troy: la malinconia delle strumentali e l’assurdità delle linee vocali urlate e sgraziate. Non è solo post-hardcore, non è solo math rock, non è solo mathcore, non è solo screamo. Doppelganger è lo scorcio di tela sulla quale hanno lavorato centinaia di ragni, e il risultato è uno dei dischi più influenti del math post-2000. Chi cerca ispirazione per comporre un disco math dovrebbe assolutamente ascoltare questo album, che riassume qualsiasi cosa composta prima di esso degna di essere definita “math”.