85 anni di carcere per i membri della Banda Breaking Bad!

Quattro giovani ingegneri dell'università di Manchester sono stati condannati dopo aver tentato di seguire le orme di Walter White, protagonista di Breaking Bad.

Heisenberg in Breaking Bad
Condividi l'articolo

A ben 5 anni dalla fine della sua messa in onda, Breaking Bad fa’ ancora parlare di sé.

La serie ideata e creata da Vince Gilligan ha tracciato un indelebile solco nel mondo della serialità. L’incredibile parabola discendente verso il male del professor Walter White è stata raccontata come una storia talmente umana e straordinaria, da riuscire a far innamorare milioni di fan.

Tuttavia c’è chi ha deciso di provare ad imitare i misfatti di Heisenberg e Jesse Pinkman anche nel mondo reale. Infatti quattro brillanti studenti di ingegneria dell’università di Manchester, hanno deciso di metter sù un’organizzazione che potesse ricalcare le gesta di quelle della celeberrima serie targata AMC.

I giovani studenti si sono serviti del dark web per far proliferare la propria attività criminale, immettendo sul mercato ecstasy, Lsd, ketamine e 2Cb. Le vendite effettuate sul sito Silk Road avrebbero fruttato oltre un milione di dollari. A questa cifra bisognerebbe aggiungere i proventi delle vendite di persona e quelli ottenuti tramite pagamenti effettuati per sfuggire ai controlli.

LEGGI ANCHE:  I Dossier della Scimmia: Jesse Pinkman

L’ideatore nonché boss della Banda Breaking Bad era Basil Assaf, studente modello di 26 anni, che ha coinvolto nell’operazione Elliott Hyams, James Roden e Jaikishen Patel, quasi tutti suoi coetanei.

Walter White e Jesse Pinkman in Breaking Bad

La lezione che i quattro galeotti non hanno sicuramente imparato da BrBa è quella di non dare nell’occhio e condurre uno stile di vita dal basso profilo.

Infatti le vacanze esotiche con spese da capogiro non sono sfuggite ai federali che hanno inviato delle indagini, sequestrato i server nel 2013 e perquisito successivamente l’appartamento del capo, definito come una fabbrica di spaccio di droga.

Assaf, per sua stessa ammissione, si sentiva intoccabile e questo lo ha indotto ad assecondare la sua passione per il Veuve Clicquot Rosé e ad acquistare un appartamento nel centro di Manchester.

Tuttavia l’invincibilità di Assaf e della sua banda ha avuto vita breve. Il capo è stato condannato a 15 anni e 3 mesi, la banda dovrà scontare un totale di 85 anni di reclusione.

D’altronde, non è da tutti essere Walter White!

LEGGI ANCHE:  Breaking Bad il film, tutto quello che c'è da sapere fino a oggi

 

Credo fermamente che la capacità dell'uomo di raccontare e raccontarsi sia il sale della vita. Proprio per questo sono uno studente di Lettere Classiche e al contempo un inguaribile amante della settima arte e della serialità. "The Tree of Life" è il mio manifesto di bellezza, "Il caso Spotlight" racchiude la mia missione, "2001: Odissea nello spazio" la mia idea di sublime.