Tutto quello che c’è da sapere su Caravaggio – L’anima e il sangue

Condividi l'articolo

Debutta oggi nelle sale italiane Caravaggio – L’anima e il sangue, un viaggio attraverso la vita controversa e irrequieta, frenetica e sregolata di un personaggio geniale e tormentato.

Circondata da una capigliatura di serpi, il viso di Medusa, fluttuante nell’ombra, è colto nel momento dell’urlo. La luce calda e improvvisa, proveniente dall’alto, evidenzia con orrore la bocca aperta in uno spasmo innaturale e gli occhi terrorizzati ed allucinati.

Scudo con testa di Medusa, scelto come locandina per la pellicola, è una delle numerose opere – oltre quaranta capolavori – analizzati all’interno del film, un’esperienza audiovisiva attraverso i luoghi che hanno contribuito a costruire l’irrequieta identità dell’artista: Milano e Firenze, Roma, Napoli e la lontana Malta.

Dopo l’enorme successo di Loving Vincent, il film evento più visto di sempre in Italia, i cinema italiani proietteranno Caravaggio – L’anima e il sangue, una ricostruzione evocativa e di grande impatto, capace di emozionare e coinvolgere totalmente lo spettatore.

Girata in formato Cinemascope 2:40 e realizzata avvalendosi della consulenza dello storico d’arte Claudio Strinati, di Rossella Vodret, curatrice della mostra “Dentro Caravaggio”, e di Mina Gregori, Presidente della Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi, la pellicola è  una delle prime produzioni italiane realizzate in 8K.

LEGGI ANCHE:  Le 7 morti più memorabili di Sean Bean

Interessante la scelta del narratore extradiegetico, fuoricampo: la voce dell’io interiore di Caravaggio, espressione dei suoi pensieri più reconditi e turbolenti, è stata affidata a Manuel Agnelli, leader degli Afterhours.

Prodotta da Sky Italia con la collaborazione di Magnitudo Film e diretta da Jesus Garces Lambert, la pellicola verrà proiettata nelle sale cinematografiche italiane dal 19 al 21 febbraio 2018.