10 storie horror accadute realmente sui set cinematografici

Condividi l'articolo

4. Poltergeist, di Tobe Hooper (1982)

10 storie horror

Si dice che la maledizione sia stata causata dall’uso di veri scheletri umani come oggetti di scena. Rientra tra i maledetti a causa di tragedie reli che coinvolsero la scomparsa dei co-protagonisti Heather O’Rourke (che interpretó il ruolo di Carol Anne) e Dominique Dunne (Dana). La O’Rourke morì prima dell’uscita dell’ultimo film, a dodici anni, per un occlusione intestinale acuta, mentre la Dunne venne strangolata dal suo ragazzo a ventidue anni. Inoltre, in una scena nella camera di Robbie viene inquadrato un poster del Superbowl XXII, che avrà luogo sei anni dopo nel 1988. Cosa c’entra? La O’Rourke morí il giorno dopo il Superbowl XXII a San Diego, dove ebbe luogo la partita.  E’ tuttavia tutta la serie ad essere maledetta poiché morirono anche altri due attori: Julian Beck nel 1985 per un tumore allo stomaco e Will Sampson nel 1987.

 

3. Rosemary’s Baby, di Roman Polanski (1968)

rosemarys baby

Molte voci raccontano che ad Anton La Vey (fondatore della chiesa di Satana) era stato affidato il ruolo del diavolo. Ciò non avvenne, ma il Papa Nero era amico di Charles Manson, mandante della strage in cui morì Sharon Tate, incinta di otto mesi proprio come la protagonista del film. Il compositore Krzysztof Komeda morì a causa di una lesione cerebrale spuntata quasi dal nulla al termine delle riprese.

LEGGI ANCHE:  Stephen King e il cinema - Parte I, 11 film nati dalla sua penna dagli anni '70 ai '90

Invece il produttore, William Castle, ricevette lettere minatorie dopo l’uscita del film. Una diceva: “Bastardo. Credente di stregoneria. Credente del Santuario del satanismo. La mia previsione è che marcirai lentamente nel corso di una lunga e dolorosa malattia che hai su di te”. Il produttore si ammalò al termine delle riprese e divenne molto debole, tanto da convincersi che il film fosse maledetto. Durante una visita di emergenza, in un attimo di follia disse: “Rosemary, per l’amor di Dio, lascia il coltello!”.

Fra l’altro all’ingresso del palazzo dove è stato girato il film, il Dakota di New York, fu ucciso, nel 1980, John Lennon.