Guillermo Del Toro prende una pausa dal cinema

Il regista e sceneggiatore Guillermo Del Toro si prende un periodo di stop dal cinema, lasciandoci The Shape of Water come dolcificante per l'attesa.

Condividi l'articolo

Guillermo Del Toro prende un anno sabbatico

C’è chi ci arriva tardi, chi lo fa come metodo di lavoro, e chi semplicemente ne sente il bisogno. Come Guillermo Del Toro, che annuncia il suo ritiro di un anno dal cinema.

Diciamolo pure con franchezza, anche se questa pausa significa vedere un suo prossimo film tra un paio di anni, la pausa se la merita eccome. Sopratutto dopo quello che ci aspetta in The Shape of Water.

Il film sembra quasi un dolcificante per questa pillola difficile da ingoiare, che Del Toro ci lascia per farci entrare nell’ennesima opera d’arte visiva degna della sua firma.

Durante un’intervista, Del Toro dichiara che “ci vorrà un po’ prima che mi rimetta dietro la cinepresa. Stavo iniziando Fantastic Voyage, ma The Shape of Water mi ha imposto una pausa. Prenderò un anno sabbatico”.

The Shape of Water

Le ragioni di questa scelta non vengono approfondite più di tanto, ma una cosa è certa: non dirigerà, ma non starà con le mani in mano.

LEGGI ANCHE:  Guillermo del Toro e la regista di Babadook insieme per un horror

Il futuro del regista è infatti già segnato da tappe che si trascina da tempo. Uno dei progetti più longevi, e meno conosciuti, è Silver, narrante la scoperta da parte di un wrestler messicano che tutti i politici sono in realtà vampiri. Cuaron sta pressando il connazionale perché ne porti a termine la stesura.

Oltre a Silver, in cantiere c’è anche il progetto su Michael Mann, a cui tiene particolarmente.

Attenderemo con piacere la prossima creatura del genio messicano. Le pause aiutano, e servono a riordinare le idee. Con quello che tiene pronto in cantiere, possiamo dire che oltre a meritarsela, era anche necessaria.

Fonte: The Playlist

Sono nato senza valvole cardiache. Il medico ha detto ai miei che la cosa era grave, e che andava curata subito. Mia madre però lo prese come un segno del destino, e decise che la malformazione andasse lasciata così com'era. Le lastre evidenziavano la presenza di due rulli di pellicola al posto dei ventricoli. Non ho sangue nelle vene. Ho flussi di celluloide.