Wolf Alice – Recensione Visions of a Life

Condividi l'articolo

Il secondo album dei Wolf Alice è un ottimo lavoro di alternative rock revival

I Wolf Alice vi danno il benvenuto nel 1997. Perchè questo è come suona Visions of a Life: un album del 1997, con influenze alternative rock e grunge.

La buona notizia è che con questo lavoro Ellie Rowsell e soci hanno abbandonato definitivamente le sonorità dream pop che gravavano sul disco precedente. My Love Is Cool, pubblicato nel 2015, suonava infatti poco compatto, dispersivo e indeciso. Ma ora i Wolf Alice hanno capito di non essere gli Slowdive o i Daughter, e si sono decisi a coltivare la propria anima nineties.

Lo provano diverse canzoni, tutte valide: Yuk Foo, Beautifully Unconventional, Formidable Cool e Sadboy, quest’ultima la migliore del disco. Qua e là, guidati dalla voce della Rowsell, ritroviamo echi delle Sleater-Kinney, di PJ Harvey, di Liz Phair, insomma delle migliori artiste rock femminili degli anni ’90.

É vero che il rock dei Wolf Alice è fondamentalmente un revival del rock alternativo anni ’90, e quindi limitato a determinate sonorità. Ma c’è da dire una cosa: loro lo fanno bene.

Un caso a parte, e va citato, è quello di Don’t Delete the Kisses, l’unica canzone dell’album che risponde ai canoni dell’indie pop contemporaneo. Ma poco importa, perchè anche questo pezzo riesce bene. Non mancano, altresì, momenti più psichedelici come Planet Hunter e Sky Musings. Particolarmente ambiziosa poi, per lo stile del gruppo, l’epopea conclusiva della title track.

LEGGI ANCHE:  Nirvana: lo Smile non si tocca: la causa contro Marc Jacobs

Le chitarre graffiano, sono sporche e rumorose nella più fiera tradizione grunge e post-grunge. Ma la melodia non passa mai in secondo piano. I Wolf Alice sono ora molto più sicuri delle proprie composizioni, e si dimostrano in grado di creare canzoni forti, orecchiabili, pregne di atmosfera e potenti.

Con Visions of a Life, insomma, i Wolf Alice salgono un gradino più su. Da uno dei tanti nomi secondari emersi alla metà del decennio, si impongono decisamente come uno dei gruppi da tenere d’occhio, e promettono un’evoluzione stilistica in ascesa.

https://open.spotify.com/album/4igFAe5sMPXBZRHj66tP8c

 

Wolf AliceGenere: Rock
Anno di pubblicazione: 2017