Burger King VS IT: Pennywise troppo simile a Ronald McDonald

La divisione russa di Burger King chiede il ritiro dalle sale cinematografiche di IT

Condividi l'articolo

Il nuovissimo adattamento del celeberrimo libro di Stephen King, IT, ha sgominato tutti i record piazzandosi al primo posto tra gli Horror che hanno incassato di più al botteghino negli USA.

Ma qualcosa, o qualcuno cerca di arrestare la sua corsa verso l’olimpo dei record; ciò che sorprende è che, coloro che cercano di frenare il successo di IT, non siano parte di una società cinematografica rivale, bensì la famosissima catena di Hamburger conosciuta worldwide con il nome di Burger King.
La divisione russa della famosa catena di fast food, ha chiesto al governo russo di vietare la distribuzione dell’adattamento cinematografico del best seller di Stephen King in Russia.

Ma vediamo il perché di questa scelta; a quanto pare, burger king ritiene che il cattivissimo clown protagonista dell’nuovo reboot del libro,  interpretato dal giovane attore svedese Bill Skarsgård,  sia fin troppo simile a Ronald McDonald, mascotte della catena di fast food rivale McDonald’s; e che tutto ciò possa favorire i rivali in affari.

Ma non è solo il raccapricciante clown a destare preoccupazioni ai dirigenti di Burger King, bensì, come riportato dal quotidiano economico russo Vedomosti: “anche la gamma di colori e i palloncini con cui seduce i bambini”.

LEGGI ANCHE:  Dalla carta stampata alla celluloide: quando l'adattamento non piace all'autore originale

A questo punto, l’authority russa esaminerà il film diretto da Andrés Muschietti. Andrej Kashevarov, vicecapo della federal antimonopoly (FAS), ha rilasciato una dichiarazione ufficiale: “Non ci interessa il contenuto del film, perché lo scrittore e il regista hanno la loro personale visione creativa di ogni personaggio. Vogliamo solo determinare se c’è davvero pubblicità occulta in violazione della legislazione russa”.

ma la drammatica epopea di IT, in Russia, non è nata così: ancora prima della sua distribuzione, la troupe teatrale di Clown di San Pietroburgo “Komik Trest” aveva chiesto che il film non venisse distribuito, poichè avrebbe potuto danneggiare la loro immagine.

Tutte queste proteste però sembrano rafforzare successo del film che in Russia ha guadagnato più di $14 milioni.

Recentemente è stata annunciata la data di uscita per il secondo capitolo. il primo capitolo invece uscirà nei cinema italiani il 19 ottobre.

Ma soprattutto, Burger King in Russia, sarebbe Burger Zar?

LEGGI ANCHE:  I 10 clown più terrificanti di sempre
Giurista cinefila, classe 1990. La grande passione per il cinema mi ha accompagnata nei temibili anni adolescenziali, dove brufoli e amori platonici si sono mescolati ai protagonisti del grande schermo. Ho curato la regia di alcuni video pubblicitari e scattato diversi servizi fotografici.