I 10 film trash più folli di sempre

ATTENZIONE! I film trash mietono vittime ogni giorno: leggere questo articolo può nuocere gravemente alla salute di qualsiasi cinefilo.

0
38718

A volte ci imbattiamo in film che pensavamo non potessero nemmeno essere pensati.
Film talmente idioti, assurdi, terribilmente brutti, girati, pensati, creati, realizzati e recitati male che meritano tuttavia una visione. L’Asylum ci ha abituato a questo tipo di film, ma anche senza il suo prezioso, devastante aiuto, siamo in grado di trovarne in giro a bizzeffe. Questo tipo di pellicole assolutamente contro il cinema inteso come arte, rappresentano il trash. Sarebbe impossibile mettere in una classifica l’innumerevole e sempre più in espansione quantità di film del genere (dovendo pure inserire i tantissimi mockbuster e i vari lungometraggi su scontri apocalittici di mostri per lo più marini), pertanto quella che andrete a leggere è una lista dei 10 film trash più folli di sempre. Alcuni potranno anche non sembrarvi tali, ma fidatevi: vedere per credere.

Sharknado

Sharknado. Dove tutto ebbe inizio. Il capostipite del trash moderno. Il film che spalancò le porte della passione (ancora a molti incomprensibile) per i mostri marini. La pellicola che aprì la strada a capolavori come MegaPiranha, Sharkoctopus vs Whalewolf, Sharkman, Piranha 3D, Mega Python vs Gatoroid, Shark Attack, o Piranhaconda. La trama? La più geniale di sempre. Un gigantesco tornado porta in città una pioggia di squali affamati di carne umana in grado di sopravvivere fuori dall’acqua e spostarsi alla ricerca delle loro prede sulla terraferma. Un miscuglio di esplosioni, recitazione pessima, esagerate uccisioni e una sceneggiatura da brividi. Con la partecipazione di Tara Reid, la bella Bunny de Il Grande Lebowski, e la sequenza ormai cult dell’uomo che con una motosega si getta dentro uno squalo, squartandolo completamente. Capolavoro.
Se lo steste già cercando, sappiate che Netflix vi offre tutti i quattro i film della saga.

Kung Pow!

Ennesimo film a tema kung fu che fortunatamente non ha la pretesa di volersi prendere sul serio, anzi. Ma il risultato è così trash che persino gli intenti comici diventano grotteschi ed inguardabili: un signore della guerra stermina una intera famiglia, ma uno dei suoi membri riesce a sopravvivere riempendo di mazzate il cattivo e la sua banda. Tutto questo, ovviamente, lo fa da neonato. Il bambino cresce e diventa il Prescelto, una sorta di dio imbattibile del kung fu con una lingua dotata di vita propria, mobile e senziente, con lo scopo di terminare la vendetta contro il signore della guerra che ha ucciso la sua famiglia. Nel farlo, dovrà farsi istruire dalla versione giapponese di Mufasa, combattere contro una mucca gigante esperta di arti marziali e affrontare una donna dal seno…ciclopico.
Da non perdere. Disponibile su Netflix.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here