Oscar 2017: Casey Affleck, le sue migliori interpretazioni

2. Gone Baby Gone (2007)

La presentazione di un quartiere con la voce di Casey Affleck che ne descrive vizi e virtù. Come se si fosse in un piccolo paesino, mentre in realtà si sta descrivendo una porzione di una delle più complesse città americane: Boston. Ben Affleck fa centro nel suo primo lavoro dietro la macchina da presa e la scelta del fratello minore non lo riduce ad una brutta forma di parentalismo ma anzi, riesce a centrare anche questo aspetto del film. Se si è letto La Casa Buia di Lehane non si può che accettare di buon grado la scelta di Casey Affleck. Ricalca perfettamente la descrizione dello scrittore centrando tutti i canoni. Un ragazzo sul quale ricade una grande responsabilità: riuscire a ritrovare una ragazzina scomparsa. Ed ecco che ancora una volta il viso di Casey Affleck viene utilizzato proprio per dimostrare che le grandi responsabilità possono essere affrontate anche da un paio di detective alle prime armi che, prima di indagare sulla scomparsa della bambina, avevano soltanto lavorato a casi di frodi assicurative.