Disney ha perso 4 miliardi a causa dello streaming

Durante un recente incontro con gli investitori, Bob Iger, CEO di Disney ha parlato della tremenda situaizone nella quale versa l'azienda

Disney, Bob Iger
Credits: Wikimedia/Josh Hallett
Condividi l'articolo

Bob Iger ha parlato della terribile situazione attuale della Disney

Seguiteci sempre anche su LaScimmiaPensa e iscrivetevi al nostro canale WhatsApp!

Nel novembre 2022 Bob Iger è tornato a vestire i panni di CEO di Disney trovando una situazione tutt’altro che rosea con una serie di film che sono stati un sonoro flop al botteghino. Per diversi decenni, la Disney è stata una delle aziende più grandi e di maggior successo al mondo, soprattutto quando si tratta di film, rilasciando innumerevoli film d’animazione e live-action che hanno incassato milioni e hanno anche ottenuto molti consensi dalla critica. Tuttavia, nell’ultimi periodo Disney ha faticato a tenere il passo, specie considerato il reparto relativo allo streaming.

Il CEO ha per questo deciso di fare un mea culpa per le grandi perdite subite durante il lancio di piattaforme di streaming come Disney+, intervenendo alla MoffettNathanson Media, Internet & Communications Conference.

Quando siamo entrati nel business dello streaming in modo molto, molto aggressivo, abbiamo cercato di raccontare troppe storie. Fondamentalmente abbiamo investito troppo, molto prima di vedere i possibili rendimenti. È ciò che ha portato lo streaming a subire una perdita di 4 miliardi di dollari

Bob Iger ha parlato anche dell’operato di Bob Chapek, suo successore e poi da lui nuovamente sostituito.

LEGGI ANCHE:  Novità Disney+: film e serie TV in arrivo a Febbraio 2024

Per me era chiaro che la nostra struttura non funzionava, perché togliere la responsabilità a coloro che sostanzialmente stavano investendo la maggior parte del capitale era un errore

Iger ha affermato che Chapek ha trasferito la responsabilità di profitti e perdite (profitti e perdite) al braccio di distribuzione dello studio, mossa che ha porto al suo ritorno come CEO nel 2022.

Il risultato di spendere più sui contenuti di quanto potrebbe essere trasformato in profitto “ha prodotto volume e non qualità, il che si è rivelato un errore”, ha aggiunto Iger.

Questo è il motivo per cui molti show già annunciati sono stati cancellati dalla Disney. Inoltre, lo studio sta eliminando alcuni contenuti dalla piattaforma per poter usufruire di sgravi fiscali.

Disney+ ha avuto un arco di 12 mesi, tra la fine del 2022 e la fine del 2023, durante il quale ha perso quasi 18 milioni di abbonati. Per incrementare i ricavi della piattaforma, ancora in deficit, la Disney ha deciso di aumentare i prezzi negli Stati Uniti. A partire dallo scorso ottobre, Disney+ Premium ha aumentato il suo costo a 13,99 dollari al mese rispetto ai precedenti 10,99 dollari al mese.

LEGGI ANCHE:  Lilli e il Vagabondo, il live-action censura una celebre scena

Che ne pensate?