Baby Reindeer: Fiona vuole 1 milione per l’intervista

Parlando con il Daily Record, la vera Martha di Baby Reindeer ha spiegato di volere 1 milione per l'intervista con Piers Morgan

baby reindeer
Condividi l'articolo

Fiona Harvey, la ‘vera’ Martha di Baby Reindeer, chiede ora molti soldi per l’intervista rilasciata a Piers Morgan

ISCRIVETEVI AL NOSTRO CANALE WHATSAPP

Su Netflix trovate Baby Reindeer, miniserie che racconta un assurda storia di stalking vissuta dal protagonista Donny e ispirata alla vera esperienza vissuta dal creatore e attore principale Richard Gadd a causa di una donna che nella serie è chiamata Martha (qui la nostra spiegazione del finale). Si tratta chiaramente di nomi fittizi e la vera identità dei protagonisti dello show non è stata rivelata. 

Tuttavia la donna che ha ispirato lo show, Fiona Harvey, è venuta allo scoperto prima rilasciando un’intervista a Piers Morgan (qui per vederla) e poi parlando con Daily Record UK dove ha spiegato che inizialmente le era stata offerta una piccola somma di denaro per quella chiacchierata. 

Mi hanno offerto 250 sterline [315 dollari] e ho chiesto se era quello che pagavano tutti e, in tal caso, volevo vedere la documentazione in tal senso – ha detto la Harvey. Quella documentazione non mi è stata fornita. Non ho firmato un contratto per il colloquio e cercherò di ottenere molto più di 250 sterline insignificanti. Mi accontenterei di un milione [circa 1,25 milioni di dollari americani ndr].

Nella stessa intervista, la Harvey ha anche negato tutto quello che è emerso in Baby Reindeer, dicendo:

LEGGI ANCHE:  Baby Reindeer: la vera storia dietro la serie Netflix

Non sono stata in prigione. Non so dove siano usciti fuori i quattro anni e mezzo e nove mesi. Non è successo niente. Sono un sacco di sciocchezze.

In generale, la Harvey sostiene di aver visto uno sconvolgimento nella sua vita a causa di Baby Reindeer, soprattutto perché gli spettatori hanno potuto scavare in Internet e capire rapidamente che era a lei la persona a cui show faceva riferimento.

Gadd e Netflix hanno descritto questa storia come una storia vera e ora un ometto nella Carolina del Nord che mi ha minacciato di morte crede che sia una storia vera. Ma penso che devi essere davvero stupido per credere che sia vero.

La Harvey ha anche rilasciato una dichiarazione su ciò che si aspetta da Gadd e Netflix, spiegando anche di essere pronta a presentarsi come avvocato nel caso: 

Gadd deve dimostrare che sono andata in prigione, cosa che semplicemente non è accaduta. Non sono mai stata mandata in prigione. Questo è palesemente ovvio. La polizia alla tua porta sarebbe la prima cosa, poi verresti accusato, poi dovresti subire un processo. Poi verresti multato o qualcosa del genere o andresti in prigione

Tutto questo è inventato e un’iperbole. Non ci sono ordini restrittivi, ingiunzioni o interdizioni da nessuna parte. Non esiste. Non ho avuto la polizia alla mia porta per nessuna di queste cose. Sono solo un sacco di sciocchezze. Non ho soldi ma sono un avvocato perfettamente capace quindi rappresenterò me stessa

Che ne pensate? Avete visto Baby Reindeer?

Seguiteci su LaScimmiaPensa

LEGGI ANCHE:  Baby Reindeer: la "vera" Martha ha fatto un'intervista e andrà in televisione [FOTO]