Il Signore degli Anelli, Rhys-Davies pensava in un flop

Ospite del podcast Insiede of You, John Rhys-Davies ha raccontato di come pensasse che Il Signore degli Anelli sarebbe stato un flop

il signore degli anelli
Condividi l'articolo

John Rhys-Davies non credeva nel progetto relativo a Il Signore degli Anelli

Il Signore degli Anelli, lo sappiamo, è stata una delle trilogie più ricche, amate e influenti della storia del cinema. Tuttavia non era così scontato che ciò accadesse. Ospite del podcast Insiede of You, John Rhys-Davies, volto del nano Gimli ha infatti raccontato di come lui fosse convinto che sarebbe stato un enorme flop.

Quando ho sentito che stavano facendo Il Signore degli Anelli, ho pensato: “Oh sì, buona fortuna” E chi lo sta realizzando? Peter Jackson, che aveva fatto uno o due piccoli film meravigliosi.

Ma ammettiamolo: se hai un cast che verrà impiegato per quattro e sei settimane, chiunque può dirigere un film, e tristemente lo fa. Ma aveva sul serio idea di quello in cui si stava cacciando? Ho sentito che lo stavano facendo, e mi è stato chiesto di mettere qualcosa su nastro come audizione. Ho pensato “Il Signore degli Anelli sarà un completo disastro qualunque cosa sia”

LEGGI ANCHE:  Il Priorato dell'Albero delle Arance, recensione in anteprima del fantasy di Samantha Shannon

Ho pensato: “Non mi importa, non sono stato in Nuova Zelanda, vado lì, lavoro un mese, faccio il turista e vado via”. Perché non era possibile che si sarebbe davvero fatto. Non ha idea di cosa succede quando fai un grande film, e sai che ne ho fatti alcuni grandi…

Quando sono tornati e hanno detto che mi volevano per Gimli, ho pensato: “Che diavolo. Ho passato 30 anni cercando di essere riconosciuto, e ora? Perché dovrei voler mettermi una protesi del genere e perché dovrei voler trascorrere cinque o sei ore al giorno al trucco?” Oltre a ciò, chi vorrebbe trascorrere tre anni in Nuova Zelanda, in un film che esce con la prima parte, fallisce e le altre due passano direttamente al video o qualcosa del genere?

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa