Stranger Things, Linda Hamilton non guarderà più la serie

Parlando con US Weekly, Linda Hamilton ha spiegato perchè non guarderà la quinta stagione di Stranger Things

Condividi l'articolo

Linda Hamilton parla della quinta stagione di Stranger Things

La quinta stagione di Stranger Things è in produzione da ormai un anno, a causa degli scioperi che hanno coinvolto gli attori e tutti i dipendenti di Hollywood nei mesi passati. Tra le novità dell’ultima tappa finale della rinomata serie si può vedere la partecipazione di Linda Hamilton, che ha raggiunto la sua fama negli anni Ottanta soprattutto per il suo ruolo di Sarah Connor grazie a Terminator, film del 1984 che ha potuto godere di numerosi sequel nel corso degli ultimi decenni, fino al 2019.

La produzione di Stranger Things, iniziata nel 2023, ha ricevuto vari stop e frenate a causa degli scioperi indetti da WGA e SAG, ma la partecipazione dell’attrice è stata confermata fin dagli inizi. Adesso che si può parlare, finalmente a riprese concluse, la serie dei fratelli Duffer vedrà la luce molto probabilmente l’anno prossimo, il 2025. Linda Hamilton ha interpretato il suo nuovo ruolo aggiungendosi al cast, insieme a figure già conosciute nell’universo della serie come David Harbour, Millie Bobby Brown e Finn Wolfhard.

LEGGI ANCHE:  I ragazzi di Stranger Things nello spot della 3 con Rovazzi

In un’intervista su Us Weekly, Linda Hamilton ha parlato riguardo la quinta stagione di Stranger Things. La sua esperienza ha fatto in modo che molto probabilmente la star non riuscirà a vedere l’ultima parte della serie. Inoltre la segretezza che vi ruota attorno le impedisce addirittura di conoscere il finale della storia. L’attrice si è espressa così: “Quando prendi parte a qualcosa, non ti ci vedi dentro. Quindi penso che per me questo abbia rovinato lo show. Non guardo mai [un progetto] dopo che vi ho partecipato. Mi porterebbe completamente fuori dalla realtà vedere me stessa là dentro. Quindi non la guarderò”.

E voi, cosa ne pensate?

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa