Denzel Washington sarà Annibale per Netflix

Denzel Washington interpreterà il celebre condottiero Annibale in un nuovo film Netflix diretto da Antoine Fuqua

denzel washington
Credits: Wikipedia/© José Luiz Bernardes Ribeiro
Condividi l'articolo

Denzel Washington è uno di quegli attori in grado di interpretare pressochè qualsiasi personaggi in qualsisi ruolo. Tuttavia la nuova sfida che è pronto ad affrontare è inedita anche per una star del suo calibro. Interpeterà infatti il leggendario condottiero cartaginese Annibale in un nuovo film Netflix, per ora senza titolo, diretto da Antoine Fuqua, regista col quale ha già collaborato per Training Day e per la trilogia di The Equalizer.

La scenggiatura sarà scritta da John Logan, tre volte vincitore dell’Oscar che ha sceneggiato The Aviator di Martin Scorsese e Il Gladiatore di Ridley Scott. Secondo la trama ufficiale, il film è basato sulla vita reale del guerriero Annibale, ampiamente considerato come uno dei più grandi comandanti militari della storia. Il film ripercorre le battaglie cruciali che condusse contro la Repubblica Romana durante la Seconda Guerra Punica.

Annibale invase l’Italia cavalcando un elefante da guerra nordafricano. Sotto la sua guida, i Cartaginesi ottennero vittorie fondamentali contro i Romani, consentendo ad Annibale di occupare la maggior parte dell’Italia meridionale per 15 anni. Alla fine, Annibale fu sconfitto dai romani nella battaglia di Zama dopo aver contro-invaso il Nord Africa.

Si tratta di un periodo molto intenso per Denzel Washington. L’attore è infatti attualmente coinvolta in un’altra epopea di guerra,ovvero sia il prossimo seguito de Il Gladiatore, diretto sempre da Scott. La storia si svolgerà circa 25 anni dopo la fine del primo capitolo e si concentrerà su Lucius, il figlio di Lucilla e nipote dell’imperatore Commodo interpretato all’epoca da Spencer Treat Clark e che in questa nuova iterazione verrà invece interpretato da Paul Mescal.

LEGGI ANCHE:  Denzel Washington: "Avete sempre sbagliato la pronuncia del mio nome"

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa