One Piece: la geografia della serie, spiegata [FOTO]

One Piece
Condividi l'articolo

Dove si svolgono esattamente le avventure di One Piece? In un mondo molto diverso dal nostro: vediamo di capirci qualcosa

One Piece è ambientata in un mondo molto simile al nostro, ma geograficamente molto diverso. Innanzitutto va detto che a differenza della nostra Terra (e anche perché siamo fermi a una specie di epoca dei pirati corrispondente in gran parte al nostro ‘700/’800, con relativa arretratezza tecnologica) questo pianeta non è ancora stato del tutto esplorato.

Sui vari angoli del mondo infatti sono note più che altro dicerie e leggende e sono molti pochi quelli ad aver davvero viaggiato ed esplorato anche i mari più remoti. La ragione principale per la quale il tesoro di Gol D. Roger è introvabile: nessuno sa dove possa essere perché esistono ancora territori sconosciuti nei quali probabilmente solo lui ha messo piede.

Le cose che si sanno, e che sono note fin dall’inizio della serie (vengono spiegate da Nami in una scena con la preziosa mappa sottratta al capitano Morgan): il mondo è fondamentalmente diviso in quattro, tagliato trasversalmente in verticale da un unico continente detto la Red Line, e orizzontalmente da una fascia di mare oceanico detta la Grand Line.

LEGGI ANCHE:  One Piece: di cosa parla la serie Netflix basata sul manga di Eiichiro Oda [VIDEO]

Le due fasce si incontrano alla Reverse Mountain, dove correnti ascensionali uniscono le acque dei quattro mari. La serie inizia nel mare a nord est, chiamato East Blue. Qui è dove avvengono le vicende alle quali assistiamo nella prima stagione, che vede l’affermarsi di Luffy come pirata più forte di questa parte di mondo.

Continua a pagina 2