Harry Potter, Tom Felton ricorda Robbie Coltrane

In occasione del compleanno di Robbie Coltrane, Tom Felton ha ricordato il gigante uomo, volto di Hagrid in Harry Potter

harry potter, tom felton
Condividi l'articolo

Lo scorso 14 ottobre Robbie Coltrane, l’amatissimo Hagrid della saga di Harry Potter, ha lasciato questo mondo all’età di 72 anni. Pochi giorni fa, il 30 marzo, sarebbe stato il suo compleanno e per questo Tom Felton, interprete di Draco Malfoy, ha voluto ricordarlo con un lungo e sentito editoriale scritto su E!News.

Agli albori di Harry Potter , il cast comprendeva due gruppi distinti: bambini e adulti. Emma Watson  aveva 9 anni quando abbiamo iniziato a girare; Dan Radcliffe  aveva 11 anni; io avevo 13 anni. Maggie Smith  e Richard Harris ,in confronto, avevano sessant’anni e settanta. Fai i conti: o eri uno dei bambini o eri uno degli adulti. A meno che tu non fossi Robbie Coltrane.

In qualche modo, Robbie è riuscito a essere un adulto e un bambino allo stesso tempo, mantenendo un piede in entrambi i campi. La sua conoscenza del mondo era sbalorditiva. Era esperto in qualsiasi argomento tu avessi menzionato, dall’ingegneria alla geografia, dalla storia ai viaggi, e questo significava che aveva qualcosa con cui contribuire a qualsiasi conversazione tra adulti che potesse aver luogo sul set. Si potrebbe dire che gli attori più anziani apprezzavano e rispettavano la sua esperienza.

Noi ragazzi, però, non avevamo molto tempo per quella roba. Volevamo solo essere, beh, ragazzini: birichini e di buon umore. Ma anche Robbie. Aveva più malizia in sé di una sala comune piena di Serpeverde. Poteva scherzare con i migliori di noi. Poteva avere la mente di un adulto, ma aveva davvero il cuore di un bambino.

Robbie cercava sempre di alleggerire l’atmosfera e farci ridere. Il mio primo ricordo di lui è stato al tavolo di lettura prima che iniziassero le riprese del primo film. È stato intimidatorio, 40 o 50 di noi tutti seduti attorno a un enorme tavolo per leggere la sceneggiatura per la prima volta insieme.

Prima di iniziare, ci siamo presentati tutti: “Sono Dan e interpreterò Harry Potter”. “Sono Tom, e interpreterò Draco Malfoy.” Robbie ed Emma erano seduti fianco a fianco. Quando è arrivato il loro turno, l’ha convinta a scambiare i personaggi. “Sono Emma e interpreterò Rubeus Hagrid.” “Sono Robbie e interpreterò Hermione Granger.” Abbiamo tutti ridacchiato nelle nostre sceneggiature mentre questo uomo enorme, amichevole, affascinante e sorridente ci ha ricordato con quella piccola battuta che dovremmo affrontare questa impresa con divertimento. Stavamo solo girando un film. Non stavamo salvando vite.

Questo non vuol dire che non fosse un vero professionista. Robbie sapeva quanto fosse importante conoscere le tue battute, essere nel personaggio, recitare davanti alla telecamera. Abbiamo imparato il nostro mestiere osservandolo. Ha dato un ottimo esempio a tutti noi su come acquisire le abilità di base per essere sul set, ma mai in modo noioso o condiscendente. Anche se abitualmente aveva a che fare con una quantità pazzesca di capelli, trucco, abiti e tacchi, in qualche modo è comunque riuscito a creare un ambiente che ha permesso a tutti noi di essere giocosi.

E Robbie era infinitamente giocoso. Era costantemente sfacciato. Soprattutto era sempre gentile. Non si prendeva mai troppo sul serio e queste caratteristiche erano alla base di tutto, credo, perché se Robbie si prendeva troppo sul serio, se dimenticava cosa significa essere gentili, Hagrid non ci sarebbe stato.Senza Hagrid, non c’è Hogwarts. E nessuno potrebbe, vorrebbe o mai interpreterà quella metà gigante gentile come il mio carissimo amico Robbie Coltrane.

Grazie di averci fatto piancere, Tom.

LEGGI ANCHE:  Voldemort: Origins of the Heir, il film qui

Seguiteci su LaScimmiaPensa