Netflix criticata per aver rinnovato la serie Mostro

Sul web Netflix ha ricevuto moltissimi critiche per aver rinnovato la serie Netflix, la cui prima stagione era dedicata a Jeffrey Dahmer

dahmer
Condividi l'articolo

Qualche giorno fa Netflix ha annunciato di aver rinnovato Mostro, miniserie che, nella prima stagione, racconta le atrocità commesse da Jeffrey Dahmer (qui la nostra recensione). La piattaforma della grande N. ha infatti rivelato di voler fare altre due stagioni, sempre con Rian Murphy al comando e basarle su altre figure mostruose che hanno avuto un impatto sulla società. Tuttavia questa scelta non è stata ben vista da parte dell’utenza che ha criticato Netflix per un’eccessiva spettacolarizzazione della violenza e della morte.

Un franchise su un mucchio di psicotici, misogini serial killer fatto come se fossero i cazzo di Avengers – irreale

Sono così contenta che per anni abbiamo lottato con le conseguenze etiche del vero fanatismo criminale e finalmente abbiamo su una soluzione: “serial killer extended universe”

Mhm, sì, grande fan della drammatizzazione delle azioni dei serial killer per il consumo come intrattenimento con zero input da amici e famiglie di vittime che preferirebbero non avere le storie dei loro cari morti utilizzate per vendere abbonamenti a Netflix.

Quest’ultimo Tweet si riferisce ad un altra critica mossa, settimane fa, a Ryan Murphy e alla sua serie, ovvero sia quelal di aver raccontato le atrocità di Dahmer senza aver chiesto prima il parere delle famiglie delle vittime.

LEGGI ANCHE:  Via col vento, anche Netflix cambia la descrizione [FOTO]

Abbiamo studiato per molto tempo la storia – aveva detto a The Hollywood Reporter. E nel corso dei tre, tre anni e mezzo nei quali lo stavamo davvero scrivendo, lavorandoci sopra, abbiamo contattato 20, circa 20 tra i membri delle famiglie e degli amici delle vittime per ottenere input parlando con loro e nessuno ci ha risposto. Quindi abbiamo fatto molto, molto affidamento sul nostro incredibile gruppo di ricercatori che… non so nemmeno come abbiano trovato molte di queste cose. Ma è stato uno sforzo che abbiamo fatto senza sosta giorno e notte per noi cercare di scoprire la verità su queste persone.

Che ne pensate?