Cabinet of Curiosities: l’antologia di Del Toro è spaventosa

La serie è liberamente ispirata alla sua omonima opera letteraria e grafiche che mostra ai lettori la mente di questo visionario autore.

Cabinet of Curiosities
Credits: Netflix
Condividi l'articolo

Cabinet of Curiosities: un nome che già dice tutto. “L’armadietto delle curiosità” sembra evocare i segreti più reconditi e particolari nascosti per decenni dentro una teca, che però sono pronti, finalmente per essere svelati. L’opera, curata interamente dal celebre Guillermo del Toro (Il labirinto del fauno, Hellboy) è una raccolta di brevi racconti in formato seriale che arriveranno su Netflix a breve, con un’impronta di stampo orrorifico.

Un progetto davvero interessante che tra l’altro trae ispirazione proprio da un testo narrativo-grafico dal nome Cabinet of Curiosities, dove lo stesso del Toro ha riversato, in un volume molto complesso, progetti, idee e la sua visione artistica completa. Dopo che recentemente abbiamo avuto la possibilità di vedere il first look della serie, ecco che, sul canale YouTube ufficiale di Netflix Italia, è stato caricato il primo trailer dello show.

L’artista messicano ci introduce personalmente nel suo armadietto di orrori, mostrando rapidamente le 8 storie che verranno raccontate nelle 4 notti di messa in onda del titolo, 2 narrazioni alla volta dal 25 ottobre al 28 ottobre 2022. Che dire? Da quel che vediamo, ce n’è per tutti i gusti: orrori lovecraftiani, morti viventi, malefici, sangue a palate. Se siete amanti del genere, la realizzazione è qualcosa di immancabile anche tenendo conto dell’talentuoso cast coinvolto.

LEGGI ANCHE:  Hold the Dark: la novità Netflix non convince
Cabinet of Curiosities
Credits: Netflix

Cabinet of Curiosities vede la presenza di attori del calibro di Essie Davis, Andrew Lincoln, Luke Roberts, F. Murray Graham, Tim Blake Nelson, Demetrius Grosse, Crispin Glover, Ben Barnes, Sofia Boutella, Rupert Grint, David Hewlett e molti altri ancora. La produzione della serie è affidata a Exile Entertainment e Double Dare You con la produzione esecutiva dello stesso del Toro in compagnia di J. Miles Dale e Gary Ungar. Nonostante l’intero progetto sia frutto della mente del noto cineasta, solo due episodi sono diretti e scritti da lui, mentre gli altri sono stati realizzati da diversi autori.