Stranger Things, David Harbour rivela la provenienza della spada

Su Instagram David Harbour ha rivelato la provenienza della spada che ha usato nell'ultimo episodio di Stranger Things

Stanger-Things, david harbour, jim hopper
David Harbour è Jim Hopper in Stranger Things
Condividi l'articolo

Attenzione: articolo contiene spoiler sulla quarta stagione di Stranger Things

Nell’ultimo episodio della quarta stagione di Stranger Things molti dei nodi sono venuti al pettine e si sono risolti diversi problemi per i ragazzi di Hawkins. Tra i più importanti sicuramente la liberazione di Hopper dalla prigione in Russia. Nelle battute finali abbiamo visto il capo della polizia della città dell’Indiana sconfiggere un Demogorgone utilizzando una spada. Si tratta di un oggetto di scena per lo meno bizzarro da trovare in un luogo simile. per questo motivo l’attore che lo interpreta, David Harbour, ha spiegato su Instagram la sua provenienza.

Nerd alert. Il L’oggetto di scena alla fine dell’episodio 9 è la spada di Atlantide dei film Conan.  Un adorabile fan ha trovato un fermo immagine di quando questa è stata presa nell’episodio 7 e utilizzata da uno sfortunato prigioniero che ha incontrato una morte prematura vicino alle celle al fianco della nostra fossa dei gladiatori.

La vera emozione dietro questo però, è che la spada che l’incredibile reparto di oggetti di scena di Stranger Things (rivelatevi ragazzi così posso accreditarvi) mi ha dato è la spada reale utilizzata nelle riprese di entrambi i film di Conan. Era pesante come l’inferno, e un enorme onore da maneggiare. Arnold Schwarzenegger sono pronto ad accettare i tuoi appunti sulla mia tecnica.

Harbour ha recentemente rilasciato un’intervista con The Independent per parlare della situazione del cinema mondiale, dando il suo parare sul dominio incontrastato del MCU del quale lui è parte con la sua interpretazione di Red Guardian in Black Widow.

LEGGI ANCHE:  Lucca Comics 2017 ospiterà gli attori di Stranger Things

Non vedo l’MCU come nient’altro che roba divertente e d’intrattenimento. Ma ciò non significa che il panorama cinematografico non abbia bisogno di un “ambito più ampio” della creatività. Quando ero ragazzo, Quei bravi ragazzi, è uscito al cinema, ed era il Capitan America dei suoi tempi. Ci siamo precipitati tutti a vederlo. E non so se quei film possano davvero esistere più in questo clima

Che ne pensate?