OlliOlli Word: VOID Riders Recensione – Gli alieni atterrano su Radlandia

La nostra recensione di OlliOlli Word: VOID Riders, il primo DLC dedicato all'ultimo skateboard platform di Roll7 disponibile dal 15 giugno.

VOID Riders recensione
Condividi l'articolo

Se siete degli abituè di qualche sport che si pratica all’incirca una volta l’anno, come ad esempio lo sci, sapete bene quanto è traumatico il primo giorno di settimana bianca dopo un anno di inattività. Le lezioni con il maestro che hai sempre seguito fin da bambino sembrano del tutto dimenticate e ti chiedi, tra una caduta e un’altra, se riuscirai mai a ritrovare la forma fisica e la tecnica che avevi l’anno prima, nel giorno della ripartenza verso casa dopo una vacanza in Val di Fassa.

L’impatto pad alla mano con VOID Riders, il primo DLC di OlliOlli World, l’ottimo skateboard platform uscito questo Febbraio (qui la nostra recensione), è stato esattamente lo stesso. Sono passati appena quattro mesi dalla nostra ultima partita e tutta l’abilità con la tavola a quattro ruote che avevamo accumulato a suon di moon walk ed heelflip, sembrava all’improvviso essere svanita. Tuttavia, dopo le prime ginocchia frantumate, abbiamo ripreso confidenza con il nostro personaggio pronti per affrontare i diciannove inediti livelli contenuti in questa espansione. Gli alieni sono arrivati su Radlandia, per offrirci nuove sfide degne del Mago Dello Skate.

LEGGI ANCHE:  Arrival - Recensione in anteprima

VOID Riders: fare skate con gli alieni

L’espansione di OlliOlli World offre al giocatore diciannove nuovi stage che presentano una curva di difficoltà crescente e alcune soluzioni platform che ancora non ci erano state svelate. Si evince subito quindi quanto Roll7 sia carica di idee per sorprendere il giocatore – e badate bene, le scelte di design del gioco principale non è che fossero poche – e tenerlo così ancorato al suo piccolo capolavoro.

Una delle principali novità di VOID Riders è la possibilità di sfruttare dei fasci di luce traenti emanati dalle navicelle extraterrestri in cui è attiva l’antigravità. Se attraversati, otterremo una spinta verso l’alto che ci permetterà di atterrare sulle tantissime piattaforme disposte ad altezze differenti, altrimenti irraggiungibili.

VOID Riders recensione

L’altra grande trovata degli sviluppatori è quella di dare al giocatore la possibilità di affrontare quattro boss fights – l’ultima fra queste raggiunge una complessità non indifferente – contro i temibili VOID Rider. Queste sfide differiscono dalle altre perché trial & error: non esistono checkpoint e ad ogni caduta bisognerà ricominciare da capo. Inoltre, si mantengono particolarmente stimolanti in quanto presentano obiettivi diversi rispetto ai livelli a cui siamo abituati. Gareggiare contro un alieno per arrivare primi al traguardo; raccogliere tutte le mucche intrappolate nel fascio di luce citato in precedenza e tanto altro ancora. Il tutto, mentre grindiamo su ogni elemento a schermo alla velocità della luce, in una corsa in cui sono il ritmo e i riflessi pronti a farla da padrone. Il fattore soddisfazione, completata ogni missione, è stato una delle chiavi della serie fin dal primissimo capitolo e anche in VOID Riders non mancheranno momenti di onnipotenza estrema.

LEGGI ANCHE:  Dogman: Recensione del film di Matteo Garrone

Conclusioni

La prima espansione di OlliOlli World ci ha convinti senza mezze riserve. VOID Riders riprende tutte le meccaniche del videogioco uscito a febbraio e le arricchisce con nuove idee di gameplay e design. Il risultato è un’espansione da godersi tutta d’un fiato. Novanta minuti di pura follia che vi rinchiuderanno in un loop skateboardiano fino all’ultimo trick, nella disperata ricerca del livello perfetto.

Continuate a seguirci su LaScimmiaGioca