Elon Musk, la lettera di protesta dei dipendenti SpaceX: “Elon è fonte di distrazione e imbarazzo”

Elon Musk
Credits: Tech Vision / YouTube
Condividi l'articolo

I dipendenti SpaceX si rivolgono direttamente a Elon per via dei suoi tweet e del suo comportamento pubblico “imbarazzante”

SpaceX deve rapidamente ed esplicitamente separarsi dal marchio personale di Elon [Musk]“. Così recita una lettera di protesta redatta da uno sconosciuto dipendente (o più) della famosa agenzia spaziale e co-firmata da un ampio numero di colleghi che, condividendone il contenuto, ritengono che le azioni del CEO Elon Musk non rappresentino adeguatamente il volto di SpaceX.

Il problema riguarda tanto le uscite imbarazzanti di Elon su Twitter (delle quali abbiamo avuto svariati saggi eloquenti, specie negli ultimi anni) quanto altri gravi problemi, come quello delle accuse di molestie sessuali di qualche tempo fa. In quel caso, SpaceX avrebbe pagato 250mila dollari all’assistente di volo che aveva accusato Musk di essersi proposto a lei in maniera abusiva.

La lettera è lunga ed è indirizzata ad entrambi gli “executives”: Elon e Gwynne Shotwell. Nel testo (qui in versione integrale in inglese) i dipendenti insistono perché all’interno dell’azienda e specialmente a partire dai vertici si mantenga un atteggiamento di assoluta serietà e professionalità, vista anche l’attività svolta e l’importanza che ha per il futuro dell’umanità.

LEGGI ANCHE:  Elon Musk vuole lanciare una nuova piattaforma social [FOTO]

“Ci importa moltissimo della missione di SpaceX nel rendere l’umanità multi-planetaria. Ma più importante, ci importa l’un dell’altro. Le nostre posizioni uniche ci richiedono di considerare come le nostre azioni di oggi plasmeranno le esperienze degli individui al di fuori del nostro pianeta. La cultura che stiamo coltivando adesso è quella che miriamo a portare su Marte e oltre?

Fonte: The Verge

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.