Harry Potter, gruppo di estremisti religiosi brucia copie dei libri [VIDEO]

In Tennessee il pastore e teorico del complotto Greg Locke ha organizzato un rogo per bruciare molti libri tra i quali quelli di Harry Potter

harry potter
Condividi l'articolo

Da quando oltre vent’anni anni fa arrivò nelle librerie di tutto il mondo Harry Potter e la Pietra Filosofale. Nel corso del tempo sono molte le accuse mosse all’opera e alla sua scrittrice J.K. Rowling. Tuttavia mai ci saremmo aspettati vi vedere un vero e proprio rogo, nel quale gettare gli impuri testi del maghetto occhialuto, oltre ad altre opere per ragazzi, come Twilight e a molti altri testi tipicamente odiati dalle frange più estreme del cristianesimo. Tuttavia è esattamente quello che è accaduto nella Contea di McMinn, in Tennessee. Qui il pastore e teorico del complotto dell’alt-right americana Greg Locke, ha organizzato una vera manifestazione per la sua congrega, il Mt. Juliet, al termine della quale è stato appiccato il fuoco.

In un sermone che precede il falò, Locke ha spiegato:

Abbiamo il diritto Costituzionale e Biblico di fare quello che stiamo per fare. Abbiamo regolare permesso di accendere un falò. Anche se non ce l’avessimo avuto, una chiesa ha tutto il diritto religioso di bruciare materiale occulto che ritiene una minaccia per i propri diritti religiosi, per la propria libertà e per il proprio sistema di valori.

Tyler Salinas, giornalista che ha scattato foto dell’evento ha detto che era presente anche un contromanifestante. L’uomo ha gettato un libro nel fuoco e ha affermato che si trattava della Bibbia mentre teneva in mano copie di Fahrenheit 451 e di L’Lorigine delle specie 

LEGGI ANCHE:  Harry Potter torna in TV su Canale 5, ecco quando [UFFICIALE]

Ho fotografato un rogo di libri l’altra notte e le immagini si stanno diffondendo. Il contenuto può essere stridente e forse non si adatta al tema del resto del mio portfolio qui, ma è importante che le persone vedano cosa sta accadendo e capiscano che questo non è un’esercitazione. 

Molti si affrettano a negare l’importanza di bruciare questi libri perché possedevano quei libri, o perché non è stato effettuato dallo stato, o perché le informazioni digitali sono così abbondanti che bruciare libri non può più sopprimere le informazioni in modo reale. Tutte queste confutazioni non hanno senso. 

L’atto è puramente simbolico e dovrebbe allarmare chiunque abbia una mente critica. Queste sono le stesse persone che vogliono vietare l’insegnamento della storia degli Stati Uniti in classe. Queste sono le stesse persone che hanno lavorato per costruire un quadro legale per ribaltare le elezioni con cui non sono d’accordo. Questo sciovinismo protofascista è l’immagine che vogliono presentare al mondo. Dovremmo tutti preoccuparci di ciò che si trova sotto la superficie.

Cosa ne pensate di questro trattamento dei testi di Harry Potter?

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.