Fedez querelato per diffamazione da Pietro Maso per No Game-Freestyle

Pietro Maso ha denunciato per diffamazione Fedez che lo ha citato esplicitamente nel brano dello scorso giugno No Game-Freestyle

Fedez
Credits: Rai / YouTube
Condividi l'articolo

Nuove beghe legali per Fedez. Il rapper milanese è stato infatti querelato da Pietro Maso, che ha appena scontato la sua pena di oltre 30 anni di carcere per l’omicidio dei suoi genitori avvenuto nel 1991 e che è stato citato esplcitamente nella canzone del giugno scorso No Game-Freestyle. La strofa incriminata infatti recita:

Flow delicato, pietre di raso, saluti a famiglia da Pietro Maso, la vita ti spranga sempre a testa alta come quando esce sangue dal naso

Maso si sarebbe sentito diffamato da queste parole in quanto:

Quelle parole richiamano in maniera esplicita la drammatica vicenda personale e processuale che mi ha visto coinvolto e che, a distanza di anni e di un faticoso e doloroso percorso personale sono riuscito a superare – scrive l’uomo nella denuncia. Quelle espressioni che fanno riferimento a esplicitamente a me non hanno nulla a che fare con l’uso di immagini forti appartenenti al genere musicale o alla cifra stilistica degli autori, o a vicende personali assimilabile. La libertà di espressione non può determinarsi in modo da ledere l’onorabilità altrui. Anche perché la vicenda processuale ad oggi non assume alcune interesse in termini di attualità e rilevanza storica.

Fedez, per ora, non ha ancora risposto in alcun modo alle accuse.

LEGGI ANCHE:  Fedez difende Chiara Ferragni : "Critici non contate un ca**o" [VIDEO]

Il cantante milanese nell’ultimo periodo è davvero molto impegnato, oltre che dal punto di vista artistico, anche da quello legale. Vi ricorderete infatti che lo scorso luglio era stato denunciato per vilipendio delle forze armate dello stato in violazione dell’art. 290 c.p a causa del brano Tu Come Li Chiami nel quale invita pubblicamente i suoi ascoltatori a vilipendere le forze armate della repubblica italiana (carabinieri e militari) chiamandoli infami e definendoli figli di cani, come scritto nella denuncia all’epoca (qui tutti i dettagli ulteriori).

Cosa ne pensate di tutta questa vicenda legale?

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.