Maneskin: quando a X Factor gli dissero: “Non durate un mese”

Maneskin
I Måneskin durante la vittoria dell'Eurovision, Cerimonia trasmessa dalla Rai
Condividi l'articolo

I Maneskin contro ogni previsione negativa

Oggi il successo internazionale dei Maneskin è innegabile. Non c’è da discuterne. Eppure, i quattro hanno dovuto confrontarsi con una serie di critiche negative che fin dall’inizio li volevano sconfitti e dimenticati nel giro di breve tempo.

“Alla nostra prima conferenza a X Factor ci dicevano di non fare fatica perché tanto ci saremmo sciolti dopo un mese e che dovevamo suonare mainstream perché sennò non avremmo fatto successi. E invece”.

Questo dicono su La Repubblica i quattro, ricordando i primi tempi tra gli esordienti di X Factor nel lontano 2017. E non è un segreto come in effetti agli inzi i detrattori della band non fossero affatto pochi. Ma, come abbiamo visto, i Maneskin hanno saputo superare ogni ostacolo.

Ed ecco come, secondo loro: “Cantare in inglese in Italia, sapendo che sarebbe stato difficile, ma anche quello di andare all’Eurovision e cantare in italiano. Abbiamo dimostrato che l’Italia e l’italiano possono essere internazionali“.

LEGGI ANCHE:  Maneskin, Victoria: il gruppo rompe "Il dominio di pop/indie/trap in Italia"

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Sente, la Scimmia Fa.

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.