Black Country, New Road – For the First Time | RECENSIONE

I Black Country, New Road decidono la definizione della nuova sperimentalità in musica

Black Country New Road
Credits: ARTE Concert / YouTube
Condividi l'articolo

Il gruppo sperimentale che tutti aspettavano: Black Country, New Road

Black Country, New Road. Già il nome di questa band evoca possibilità infinite e schizofreniche. C’è chi li ha definiti (impropriamente) i nuovi Arcade Fire. Chi li inanella in fondo alla lunga fila di gruppi della tradizione post-rock. Chi parla di neo-prog, o di indie prog.

La verità è che i Black Country, New Road, super-complesso composto di sette elementi, è tutto questo insieme; e, allo stesso tempo, niente di tutto questo. Nelle atmosfere cupe e aggressive del loro primo album ufficiale, For the First Time, si ritrova un connubio di generi che non si ferma a rappresentazioni musicali ma chiede aiuto anche alla tradizione teatrale.

Teatrali sono, infatti, i loro crescendo, così come le narrazioni molto “Zappiane” affidate al cantante e di fatto frontman, Isaac Wood. Ma non c’è un unico conduttore d’orchestra: il complesso lavora in maniera organica, esprimendosi come una sola voce quando occorre e disegnando invece sfondi per il racconto delle loro atipiche storie in altri momenti.

LEGGI ANCHE:  I Black Country, New Road annunciano il secondo album, Ants From Up There

A tratti i sette prediligono derive strumentali; a volte sfociano in improvvisi sfoghi rumoristici, per poi passare ad impalcature prog sorprendentemente composite, come i non lontani colleghi Black Midi; altre volte ancora, si tratta semplicemente di creare climax atonali, distruggere tutto quel che si è creato fin lì, andare insomma “oltre”.

La perizia tecnica dei sette strumentisti, tra i quali figurano anche un sassofonista e una violinista (da qui l’associazione con gli Arcade Fire), fornisce le fondamenta necessarie all’erigersi di una serie di strutture musicali sorprendenti, tutte diverse e a loro modo ambiziose. Il modo di porsi dei Black Country, New Road è, infatti, quello di una band che vuole creare uno iato.

La loro musica vuole e deve essere d’impatto; e non manca di esserlo. Possiamo dire prog, jazz, rock; post-rock, art rock, math rock. Quello che di fatto sentiamo è la nuova concezione della sperimentalità in musica all’alba degli anni ’20, emersa da una lunga tradizione ma allo stesso tempo autenticamente nuova. Non facilmente definibile, ma sicuramente apprezzabilissima.

LEGGI ANCHE:  I Black Country, New Road annunciano il secondo album, Ants From Up There
Black Country, New Road – For the First Time / Anno di pubblicazione: 2021 / Genere: Experimental Rock
RECENSIONE
VOTO:
Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.