16 Curiosità su Batman di Tim Burton che non conoscevi

Abbiamo voluto raccontarvi 16 curiosità su Batman, cult di Tim Burton del 1989 con protagonisti Michael Keaton e Jack Nicholson

10) L’allergia al make up di Jack Nicholson

Ci volevano ben 3 ore di trucco per trasformare Jack Nicholson nel Joker. Non solo per la mole di lavoro da fare tra protesi e colori, ma anche perché l’attore aveva un’allergia al collante che di solito viene utilizzato per applicare il make up.

Dunque lo staff dovette ingegnarsi utilizzando un silicone bianco adesivo 355 sul quale è stata applicata una speciale vernice bianca acrilica denominata PAX.

Un ulteriore venne dal fatto di trovare la giusta tonalità di bianco da utilizzare. Questa infatti doveva andare in contrasto con i set scuri del film e col vestito nero di Batman ma nel contempo doveva essere abbastanza opaca da evitare che un eventuale colore troppo puro avesse potuto offuscare il viso di Jack Nicholson.

11) La Bat(Frankenstein)mobile

Per realizzare il design della Batmobile, vennero utilizzati parti presi da molti mezzi diversi. Il telaio e il motore utilizzati appartenevano ad una Chevrolet Impala, mentre le luci posteriori erano di una Ferrari e i tappi del carburante di un autobus londinese.

Per quel che riguarda la cabina di pilotaggio scorrevole ed altre parti del motore, queste vennero mutuate da un Jet  Harrier Jump. Infine il direttore artistico Terry Ackland-Snow dopo aver notato i fari anteriori della Honda Civic di sua moglie, decise che sarebbero stati davvero benissimo come ultimo tocco dell’auto di Batman.

12) Il sordo Jack Palance

Tim Burton raccontò che nei primi giorni di riprese era molto nervoso. Da una parte perché era il suo primo grande film e dall’altra perché aveva problemi a lavorare con Jack Palance che nel film interpreta il capo di Jack Napier, prima che diventi Joker.

Durante una scena, il regista californiano chiamò “Azione”, ma Palance non si era presentato sul set. Solo in seguito Burton scoprì che l’attore aveva problemi di udito e che non aveva sentito le indicazioni del regista. Nonostante l’incidente, Burton dichiarò di essere stato infine soddisfatto del lavoro fatto con l’attore.

Era perfetto per la parte – disse Burton – Non riesco a pensare a nessun altro che potrebbe essere il capo di Jack Nicholson

13) Il provino mancato di Michelle Pfeiffer

batman

Michelle Pfeiffer sappiamo essere stata una delle migliori di Selina Kyle, alias Catwoman, mai apparse sullo schermo, grande o piccolo che sia.

L’attrice ha infatti interpretato la Gatta Ladra nella seconda pellicola diretto da Tim Burton e dedicato all’Uomo Pipistrello.

Tuttavia la storia dei due film avrebbe potuto essere molto diversa. La Pfeiffer avrebbe voluto infatti sottoporsi al provino per ruolo di Vicki Vale, poi andato a Kim Basinger.

Tuttavia Michael Keaton si oppose fermamente a questa possibilità in quanto aveva avuto una fugace relazione con la Pfeiffer e riteneva imbarazzante lavorare con lei in quelle condizioni.

Dunque l’attrice non poté neanche provare ad apparire nel primo Batman. Keaton però non poté fare davvero nulla per impedire a Burton di scritturare l’attrice per il secondo film e, visto il risultato, forse è stato meglio che sia andata cosi.