Harry Potter, J.K. Rowling sulla copertina italiana: “La amo, è così strana!”

J.K Rowling ha riportato in auge una domanda che in molti si pongono da anni: cosa significa la copertina italiana di Harry Potter e la pietra filosofale?

Harry-potter e la pietra filosofale

Una delle moltissime domande che i tanti fan italiani di Harry Potter si sono sempre poste riguarda la copertina dell’edizione nostrana del primo libro della saga Harry Potter e la pietra filosofale. Nell’immagine disegnata infatti, possiamo vedere il nostro occhialuto eroe indossare un cappello che ha la forma di una testa di topo. Tuttavia, questo bizzarro indumento non compare mai nella storia, così come non appare mai il topo gigante disegnato con indosso un foulard al fianco di Harry. Tuttavia motivi che riguardano questa illustrazione rimangono tutt’oggi un mistero e non solo per noi lettori. Anche la stessa J.K. Rowling, autrice del romanzo, in un recente post su Twitter, ha espresso le sue perplessità sulla copertina, dichiarando di amarla.

https://platform.twitter.com/widgets.js


Ho sempre adorato questa copertina perché è così strana. Perché la testa di topo? Perché il topo gigante col foulard? Non ho mai incontrato l’illustratore, quindi ancora non lo so.

I libri di Harry Potter, così come le trasposizioni cinematografiche, restano alcuni dei prodotti più amati al mondo di ogni epoca. L’amore nei confronti del magico mondo di Hogwarts è stato rimarcato ancora in questa quarantena, quando la messa in onda delle pellicole ha raggiunto vette di share incredibili. Questi misteri, riguardanti la copertina italiana o la straziante storia d’amore di Piton e Lily o anche i retroscena sul set, come quello che vi abbiamo raccontato sul saggio scritto dagli attori per Cuaron, rendono questa saga ancor più leggendaria.

Voi lettori di Harry Potter vi eravate mai soffermati ad osservare la copertina di questo primo libro? Anche voi l’avete trovata strana? Che spiegazioni vi siete dati? Fatecelo sapere nei commenti.

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com,