I Tre Allegri Ragazzi Morti cantano la quarantena e l’amore ai tempi del coronavirus con Quando

Tre Allegri Ragazzi Morti
Tre Allegri Ragazzi Morti

I Tre Allegri Ragazzi Morti tornano con un nuovo singolo che racconta gli effetti del distanziamento sociale e della quarantena.

La voce di Davide Toffolo e l’inconfondibile stile dei Tre Allegri Ragazzi Morti trasformano in musica e parole la quarantena da Covid-19. Quando, il nuovo brano pubblicato dai TARM per l’etichetta La Tempesta Dischi, racconta sensazioni e pensieri in un momento difficile come quello che stiamo vivendo.

Le misure anti-coronavirus che ci hanno portato al distanziamento sociale e all’isolamento hanno conseguenze sulle vite di tutti. Dall’emergere di paure ed incertezza sul futuro (anche economico), sino alle diffuse sensazioni di noia e di solitudine, sono molti gli stati d’animo che la quarantena sta suscitando.

“Quando è la nostra nuova canzone, un bene di conforto in questi giorni di quarantena”

Con queste parole i Tre Allegri Ragazzi Morti hanno presentato il nuovo singolo Quando, disponibile sulle principali piattaforme di streaming musicale. La canzone non è stata improvvisata in questi giorni di lockdown, ma era un pezzo in fase di elaborazione prima che iniziasse l’emergenza.

Gli stessi TARM spiegano che si tratta di un pezzo scritto con la collaborazione di Luca Galizia (aka Generic Animal), che non si intitolava ancora Quando ed era in registrazione da un po’ di tempo. L’emergenza ha portato la band a dover concludere il brano lavorando ‘da remoto‘, ognuno in camera sua.

Toffolo ha adattato la canzone al difficile momento, con un testo che, con semplicità ed efficacia, è in grado di descrivere lo stato d’animo da quarantena.

“Se resto ancora
un’ora sola
dentro a questa casa
che è la mia prigione
preferirei infrangere
la legge della quarantena
che stare ancora con un libro in mano
a leggere il futuro”

Dalle difficoltà della “reclusione forzata” nasce il racconto di una storia d’amore ai tempi del coronavirus. La narrazione è animata dalla voglia di ricominciare, di passare a prendere il proprio amore, di recuperare la libertà. Toffolo e i Tre Allegri Ragazzi Morti contestualizzano il racconto creando (come loro stessi spiegano) una sorta di Romeo e Giulietta ai tempi della quarantena, in motorino.

Video omaggio al nuovo brano Quando dei Tre Allegri Ragazzi Morti, realizzato da Peris Alati e pubblicato su YouTube dal canale La Tempesta.

Tutto ruota intorno al Quando: quando si riaccenderà un barlume di speranza, quando l’amato potrà andare sotto casa della sua bella in motorino ad aspettare che scenda, quando potremo riprenderci una nuova libertà, quando potremo ristabilire una connessione che vada oltre le videochat e i social network.

Guarda la natura
s’è ripresa tutto
lo voglio fare anch’io
io mi riprendo te

Non poteva mancare un riferimento al tema della natura, argomento caro a Toffolo e ai Tre Allegri Ragazzi Morti. Ed ecco dunque la forza della natura che, quando l’uomo è fermo e assente, si riprende tutto. Con queste parole l’autore allude alle numerose immagini di animali che hanno ripopolato ambienti tipicamente presidiati quasi esclusivamente dall’uomo. Ecco dunque orsi e tigri che camminano in mezzo alla strada, pesci che ripopolano i canali di Venezia, delfini che nuotano nei porti delle grandi città e cervi che passeggiano in centro.

Il brano vuole mandare un messaggio di speranza a chi, chiuso nella propria casa, ne ascolta strofe e note. Un messaggio semplice: vulnerabili, feriti, forse segnati per sempre, ma stando uniti (seppur distanti) ne usciremo.

“Speriamo che ‘Quando’ faccia compagnia in questi giorni di distanziamento sociale. Ascoltiamola e cantiamola che quando finirà, sarà una festa.” Tre Allegri Ragazzi Morti

Video di Quando pubblicato su YouTube dai Tre Allegri Ragazzi Morti per La Tempesta Dischi.

Leggi anche:
3 ascolti fondamentali per conoscere i Tre Allegri Ragazzi Morti
La Scimmia intervista i Tre Allegri Ragazzi Morti

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.