Ucciso a vent’anni durante una rapina il rapper Pop Smoke

Scomparsa una giovanissima stella del rap americano

Pop Smoke
Pop Smoke nel video di "GATTI"
Condividi l'articolo

Il giovane rapper Pop Smoke è rimasto ucciso durante una rapina in casa sua

Ha avuto un successo breve ma fulminante Bashar Barakah Jackson, in arte Pop Smoke. Classe 1999, il rapper aveva esordito nell’aprile del 2019 con il singolo Welcome to the Party (video qui sotto), presto seguito dal mixtape di debutto, Meet the Woo, uscito nel luglio dello stesso anno. Nei mesi successivi Pop Smoke ha collaborato in varie forme con nomi del calibro di Nicki Minaj, Travis Scott, Skepta e Quavo. Diversi altri singoli sono seguiti, per culminare con la pubblicazione di un secondo mixtape, Meet the Woo 2, uscito solo qualche giorno fa, il 7 febbraio.

Welcome to the Party rimane il suo più grande successo, anche se pure il singolo recentissimo Dior aveva ottenuto un notevole riscontro, così come il feauring GATTI con Travis Scott. Le circostanze precise della morte del rapper non sono troppo chiare: il sito TMZ riporta che due uomini sarebbero entrati nella sua casa a Hollywood, la mattina del 19 febbraio. In seguito, il rapper sarebbe stato ferito da colpi di arma da fuoco. Trasportato al pronto soccorso, non c’è stato nulla da fare. Il decesso è stato dichiarato. Aspettiamo ulteriori ragguagli e chiarimenti.

LEGGI ANCHE:  Pop Smoke venne ucciso da un quindicenne, per un Rolex di diamante

Fonte: New Musical Express

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.