Space Dogs: il fantasma di Laika vi porta a scoprire i figli del cosmo

Space Dogs con la sua meravigliosa poetica, ci invita a riflettere sui passi del progresso scientifico attuati dall'uomo. 

space dogs

Una musica intensa e dolce accompagna un’esplosione di colori e fuochi. È Laika che rientra  nell’atmosfera dal suo viaggio tra le stelle. Colori accesi e un corpo spento che nel rientro inizia a prendere fuoco, liberando sulla terra lo spirito della cagnolina più famosa della storia. Il fantasma di Laika inizia a vagare per l’atmosfera, ma trova subito la strada di casa. Sta tornando a Mosca.

Questo racconta Space Dogs, la leggenda del cane dello spazio per eccellenza, un tassello fondamentale nell’infinita partita URSS – USA, giocata tra le stelle. Il documentario a Locarno 72 racconta la corsa al cosmo da un punto di vista poco approfondito, quello delle cavie animali mandate nello spazio. Ma la più cruenta e ovvia soluzione, mostrare le violenze subite dagli animali, lascia spazio a un’idea artistica di grande impatto, fatta di scelte registiche e fotografiche a “misura di cane” e da una grande abilità tecnica. Space Dogs

Il fantasma di Laika ci accompagnerà tra le strade di Mosca, sarà i nostri occhi e le nostre orecchie, così da mostrarci gli animali più coraggiosi, forti e impavidi che lo spazio abbia mai potuto toccare: i cani randagi di Mosca. Immagini suggestive e dolci della vita di strada dei cani russi, si alternano a momenti più duri, con immagini di repertorio dei test e delle missioni compiute dai tanti cani che seguirono Laika. Il film non disdegna infatti una critica verso i metodi usati dai sovietici per i vari Laika, così come verso le crudeltà giornaliere subite dai randagi. Rimane la vita di strada di questi animali a stregarci con la sua bellezza, una vita da cani filmata ad altezza cane, letteralmente. Space Dogs è composto da immagini romantiche, così vicine ai randagi di Mosca che non possono essere altro che elogiate, soprattutto per la pazienza e la grande abilità del cameraman, nel seguire gli animali come fosse uno di loro.

Risultati immagini per space dogs 2019 poster

Una abilità tecnica sopraffina a disegnare un racconto poetico e intrigante.

La camera li segue pazientemente lasciando che i tempi si dilatino e dandoci il tempo di ammirare questo nuovo punto di vista sul mondo. Un documentario anticonvenzionale, che Elsa KremserLevin Peter ci hanno portato, sottolineando la difficoltà nel girare delle riprese così vicine ad un mondo poco accessibile. Space Dogs propone una visione poetica della storia reinventandola con meraviglia, chiedendoci nel bene e nel male di riflettere sui passi del progresso scientifico attuati dall’uomo.

Proprio come uno spettro canino ci immergiamo nel loro mondo, seguendoli nel loro scorrazzare senza tempo e senza fine. La loro dolcezza e la loro forza si mischia inesorabilmente alla loro natura brutale e animalesca, mostrandoci due facce della vita tra le strade di Mosca. A fianco della spettrale presenza canina troviamo una profonda voce narrante, memoria storica dei passi compiuti dall’uomo, sulle zampe dei randagi di mosca, per raggiungere nuove celestiali frontiere. Ma i cani non saranno gli unici animali che incontreremo. Tra scimmie e tartarughe si esploreranno le varie specie capaci di sfidare il buio dello spazio profondo, fino ad arrivare ad una nuova spaziale specie: i figli del cosmo.

space dogs

Chi sono i figli del Cosmo

La missione spaziale sovietica non si limitò infatti ad utilizzare molti dei cani più idonei trovati per le strade di Mosca, ma si impegnò a far accoppiare quelli che tornavano incolumi dalle missioni. La nuova prole dei cani astronauti era stata così battezzata: i figli del cosmo. Di questi cani oggi non ne rimangono molti, ma il loro spirito, come quello di Laika, si aggira ancora per le vie della Terza Roma; è in tutti gli impavidi randagi che ogni giorno lottano per sopravvivere, protetti dalle loro stelle.

 

Continuate a leggerci su lascimmiapensa.com !