Mitzi Peirone: la regista 25enne italoamericana che ha stregato il Tribeca con Braid

Una giovane di talento che ci siamo lasciati scappare.

Mitzi Peirone, appena 25enne, ha portato in concorso al Tribeca Film Festival, festival cinematografico newyorkese fortemente voluto dal suo creatore Robert de Niro, il suo horror psicologico e di mistero Braid. Il film ha raccolto sinora critiche altalenanti, raggiungendo tuttavia la sufficienza sull’aggregatore di recensioni Metacritic. La trama, come si legge proprio su Metacritic, vede protagoniste due donne ricercate che decidono di rapinare un loro ricco e psicotico amico che vive in un mondo fantastico creato quando erano bambini. Per riuscirci le protagoniste dovranno tuffarsi a capofitto nella psicosi, prendendo parte ad un mortale gioco perverso.

Il sito di Roger Ebert, illustre critico cinematografico vincitore di un Pulitzer, ci racconta in una recensione firmata Matt Zoller Seitz che la trama, la logica, la continuity, ad un certo punto diventano ancora più privi di significato di quanto già non fossero, il che ha comunque un senso. È come se il film stesso avesse perso la testa. Ed è stato a quel punto, caro lettore, che il recensore si è innamorato del film. 

Questa è la fotografia che più ci piace immaginare per il lavoro di  Mitzi Peirone che vedremo in anteprima nazionale al FIPILI Horror Festival di Livorno

Anche The Film Stage e il Los Angeles Time hanno promosso il lavoro dell’italoamericana, più tiepide ma comunque positive le recensioni di The Hollywood Reporter e New York Times, mentre Variety, come l’italiano I 400 Calci, ha stroncato il film della regista. Noi siamo molto curiosi, così curiosi che abbiamo già richiesto un’intervista frontale, per scoprire, appunto, chi è Mitzi Peirone, la regista 25enne italoamericana che ha stregato il Tribeca con Braid. Nel frattempo possiamo raccontarvi che, come si legge su IMDb, Mitzi Peirone è nata e cresciuta a Torino, in Italia, dove ha ricevuto un’educazione umanistica classica intensiva, concentrandosi su filosofia, storia dell’arte, tragedia greca, opera e letteratura. Dopo il liceo, la regista lascia l’Italia per studiare teatro a New York all’American Academy of Dramatic Arts. E’ proprio qui che, mentre recitava in alcuni cortometraggi e stava lavorando come modella, Mitzi sentì il bisogno di scrivere la sceneggiatura di Braid, divenuto poi rapidamente il suo obiettivo principale. Nel 2016 Peirone ha collaborato con l’imprenditore Joseph Lubin per creare un nuovo modello di business per finanziare il suo film. Braid è diventato poi il primo film ad essere completamente finanziato attraverso una crowdfunding con criptovaluta, Blockchain. In pratica tutti i sostenitori del progetto sono diventati automaticamente azionisti di una percentuale del progetto. La vendita ha raccolto 1,7 milioni in due settimane. Il film è stato presentato in anteprima al Tribeca nel 2018 e ha vinto il premio come miglior film al Lausanne Underground Film Festival. Braid ha ricevuto poi distribuzione in tutto il mondo tramite Blue Fox Entertainment e quest’anno sarà in anteprima nazionale al FIPILI Horror Festival, sabato alle 20.30.