Scarlett Johansson assalita dai paparazzi: “A rischio la mia vita e non solo”

Scarlett Johansson
Condividi l'articolo

L’auto della star di Avengers: Endgame, Scarlett Johansson, inseguita dopo la registrazione dello show di lunedì sera.

Scarlett Johansson ha avuto un brutto momento con i paparazzi lunedì dopo la registrazione che ha fatto allo show Jimmy Kimmel Live.

Johansson era in macchina con altre due persone, ma non stava guidando. Paparazzi stavano seguendo l’auto di Johansson in modo pericoloso, e tutti gli occupanti si sentivano insicuri, ha detto la polizia. L’attrice infatti è andata alla stazione di Hollywood LAPD a riferire l’accaduto. Scarlett Johansson è arrivata a casa sana e salva.

In una dichiarazione al sito americano THR, tramite il suo rappresentante, Johansson ha detto:

“I paparazzi si comportano sempre più pericolosamente, perseguitano e molestano le persone che stanno fotografando. Anche dopo la tragica morte della principessa Diana, le leggi non sono mai state modificate per proteggere gli obiettivi dai paparazzi. Molti paparazzi hanno un passato criminale e compiono atti criminali per riuscire a fotografare chi vogliono. Ieri, dopo aver lasciato il Jimmy Kimmel Show, sono stata seguita da 5 macchine piene di uomini con i finestrini oscurati che correvano e mettevano a rischio altri automobilisti e pedoni per potermi seguire per scoprire dove alloggiavo per poi  perseguitare me e mia figlia minore per tutta la durata del mio soggiorno”.

Leggi anche: Vedova Nera, Cate Shortland dirigerà il film con Scarlett Johansson

Poi aggiunge:

LEGGI ANCHE:  Avengers: Endgame, i Russo fanno chiarezza sulle scelte di Thor

“I paparazzi mettono a rischio la vita delle persone, aspettano giorni interi in quartieri tranquilli dentro auto oscurate, e cercano di seguirmi al parco giochi per fotografare i bambini in un luogo che dovrebbe essere off limits, ma non lo è. Tutto questo è perfettamente legale. Dopo l’incidente di ieri, ho sentito che era mio dovere come cittadino preoccupato che veniva perseguitato pericolosamente andare alla polizia. Incoraggerei altri che si trovano in una situazione simile a rivolgersi alla polizia. Le donne in tutti gli Stati Uniti sono perseguitate, molestate e spaventate e una legge universale per affrontare lo stalking deve essere una priorità nelle conversazioni delle forze dell’ordine. Finché i paparazzi non sono considerati dalla legge per gli stalker criminali che sono, è solo un gioco d’attesa prima che un’altra persona venga ferita o uccisa gravemente, come la principessa Diana”.

Leggi anche: Scarlett Johansson sarà una transgender in Rub & Tug

Continua a seguirci su Lascimmiapensa.com!