Clergy travolge la Chiesa e fa scoppiare il caos in Polonia

In arrivo un film sugli abusi sessuali nella chiesa che ha generato un' ondata di polemiche in Polonia.

0
314

Clergy, definito un film provocatorio e trash dai conservatori, ha comunque riempito i cinema della Polonia.

L’agghiacciante ritratto fornito da Clergy, film polacco appena uscito, ha spaccato l’opinione pubblica in patria. Inzia con tre sacerdoti che bevono vodka fino a non riuscire quasi più a parlare; dopodichè uno di loro si reca in macchina da un fedele per dargli l’estrema unzione. L’immagine del sacerdozio fornita mostra degli individui che rubano denaro alle loro congregazioni, si spiano a vicenda e sfruttano il favore politico e mediatico per i loro interessi.

Clergy

Ma la maggior parte della narrazione di Clergy si concentra sugi abusi sessuali su minori. Il film afferma che il clero ha coperto una serie di vicende. In una scena sono state raccolte alcune testimonianze di persone reali vittime di tali abusi.

1,7 milioni di persone hanno visto il film nella prima settimana di proiezione, una cifra enorme se si pensa che l’intera nazione ha poco più di 38 milioni di abitanti. Un cinema di Zabre, per soddisfare le richieste del pubblico ha proiettato il fim per 24 volte al giorno. È sorprendente il successo di pubblico che ha vuto la pellicola in un paese cattolico come la Polonia. Anche se alcuni membri del partito governativo di Diritto e Giustizia hanno prontamente attaccato l’opera.

Jacek Kurski, ex membro del Parlamento per il partito di Diritto e Giutizia, che ora è il presidente della compagnia televisiva statale Telewizja Polska ha definito Clergy un film provocatorio e trash e in un’ intervista all’emittente televisiva aggiunge che si tratta solo di un altro attacco alla Chiesa cattolica, brutale e falso.

Clergy

La pellicola ha suscitato polemiche in Polonia ancor prima che uscisse nelle sale.

Il 21 settembre è stato proiettato al Gdynia Film Festival e ha ricevuto un’ovazione di 11 minuti. Ciò lo ha reso un favorito per uno dei premi del festival, assegnato al film che riceve il più lungo applauso. Ma il premio è stato cancellato poco dopo, portando i giornali a ipotizzare che gli organizzatori si fossero fatti prendere dal panico nel vedersi costretti ad assegnare il riconoscimento a Clergy.  Hanno negato queste accuse in una dichiarazione, dicendo che l’applauso per altri film del festival era stato interrotto, rendendo così impossibile decidere il premio in modo equo.

Wojciech Smarzowski, il regista del film, dichiara in una e-mail che ha deciso di fare Clergy dopo essere stato travolto dal potere della chiesa in Polonia. “La chiesa è presente nei nostri uffici, per la strada, nelle nostre case e nei nostri letti. Sentivo la necessità di raccontare il fallimento della chiesa nel trattare gli abusi sui minori, nel nascondere i pedofili nelle loro tuniche e trasferirli di parrocchia in parrocchia. Questo film è indirizzato ai cattolici. Spero che dopo aver lasciato la sala, si renderanno conto di essere corresponsabili di ciò che vedono sullo schermo“.

Attendiamo il suo arrivo nelle nostre sale.

Continuate a seguirci alla nostra pagine facebook Lascimmiapensa.com

Attenzione amici lettori della Scimmia: il nostro sito è stato candidato al concorso Macchianera Internet Awards. Potete votarci compilando questo questionario esprimendo almeno 10 preferenze per validare la scheda. Votateci nella sezione Miglior Sito Cinematografico.
Grazie Scimmie!

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here