Luca Guadagnino trionfa ai Gotham Awards 2017

Luca Guadagnino trionfa in uno dei più importanti festival del cinema americano indipendente.

Va a Call Me by Your Name (adattamento cinematografico del romanzo Chiamami col tuo nome di André Aciman) il premio al miglior film alla 27a edizione dei Gotham Awards, tra i più importanti premi del cinema americano indipendente. Alla regia, il quarantaseienne palermitano Luca Guadagnino.

In totale, la pellicola ha ricevuto due premi sulle tre nomination ricevute: oltre al miglior film, ha ottenuto il premio al migliore interprete emergente (Timothée Chalamet), mentre nella categoria miglior sceneggiatura il premio è andato a Jordan Peele (Scappa – Get Out).

Ecco la lista dei vincitori:

Miglior film: Call Me by Your Name, regia di Luca Guadagnino

Miglior documentario: Strong Island, regia di Yance Ford

Miglior attore: James Franco, The Disaster Artist

Miglior attrice: Saoirse Ronan, Lady Bird

Miglior regista rivelazione: Jordan Peele, Scappa – Get Out

Miglior interprete emergente: Timothéè Chalamet, Call Me by Your Name

Miglior sceneggiatura: Jordan Peele, Scappa – Get Out

Miglior serie rivelazione – forma lunga: Atlanta

Miglior serie rivelazione – forma corta: The Strange Eyes of Dr. Myes

Premio del pubblico: Scappa – Get Out

Premio speciale della giuria per il miglior cast: Mudbound (Jonathan Banks, Mary J. Blige, Jason Clarke, Garrett Hedlund, Jason Mitchell, Rob Morgan e Carey Mulligan)

Made in NY Award: Michael Kenneth Williams

Premio alla carriera: Jason Blum, Sofia Coppola, Al Gore, Dustin Hoffman, Nicole Kidman e Ed Lachman

CONDIVIDI
Articolo precedenteThe Disaster Artist – La recensione in anteprima
Prossimo articoloBlack Mirror 4: ecco cosa sappiamo dei primi tre episodi
Nasce a Caltanissetta, dove viene benedetto dal provincialismo che fa sembrare ogni cosa più grande. Il liceo, l'università, i soggiorni all'estero, guardare film, leggere, scrivere e un'altra cosa che non ricorda gli sono sembrati qualcosa di sensato. Il provincialismo ha il potere di far vedere ogni banalità sotto una luce vincente.