Matthew McConaughey – La trasformazione di un attore

0
2989

 

Matthew McConaughey: generazione ’69, decine e decine di film alle spalle e moltissimi riconoscimenti ottenuti. Eppure per McConaughey, che ormai conosciamo come attore di rilievo e di gran talento, che centellina i ruoli e li prende tutti con grande serietà, non è sempre andata così.

Matthew McConaughey liceale giovanissimo

Da “Il più bello della scuola” entra nel mondo dello spettacolo attraverso spot pubblicitari e video musicali. Tra i primi ruoli che gli vengono offerti vi sono La Vita è un Sogno, una commedia in cui interpreta un liceale a fine carriera, A Proposito di Donne e Non Aprite quella Porta IV; seguito della celebre saga che fece però un grandissimo flop. In quest’ultimo, rieditato nel 1997 quando era ormai un attore famoso, recitava al fianco di Reneé Zellweger

Dopo un fallito provino per il ruolo di Jack Dawson in Titanic McConaughey ha alcuni ruoli da protagonista in film come Amistad e Il Momento di Uccidere.

McConaughey di fianco a una giovane Sandra Bullock ne Il Momento di Uccidere

Sia Amistad che Il Momento di Uccidere sono buoni film in cui Conaughey tuttavia non spicca particolarmente. In Amistad, di Steven Spielberg, l’attore, che recita a fianco di Anthony Hopkins, Morgan Freeman e Stellan Skarsgard, interpreta il giovane ed impaziente avvocato Roger Baldwin. Anche nel secondo film interpreta un giovane avvocato, questa volta alle prese con un accusato di omicidio; il ruolo in questione risulta molto simile a quello che interpreterà in The Lincoln Lawyer, dove la sua interpretazione sarà eccezionale.

Ma è dal 2000 in avanti che l’attore assume il frequente ruolo di romantico in commedie leggere. Non di certo il genere di film che gli ha permesso di dimostrare il suo talento e di essere un grande attore. Conaughey recita quindi a fianco di Jennifer Lopez in Prima o Poi mi Sposo e di Kate Hudson in Come farsi lasciare in 10 giorni. Assume altri ruoli in Sahara e anche ne il Il regno del Fuoco; sempre senza deliziarci di prove eccezionali. La sua notevole serie di film leggeri viene intervallata nel 2005 da Rischio a Due, in cui recita a fianco di Al Pacino.

A Casa con i suoiTutti pazzi per l’oro e La rivolta delle Ex appartengono allo stesso modo alla schiera delle commedie leggere. Film di cui si è parlato sempre negativamente, ma McConaughey nel periodo era effettivamente il prototipo di attore perfetto per il ruolo da romanticone alle prese con le sue avventure amorose.

Con Kate Hudson in Tutti Pazzi per l’oro

E questo fatto non dovrebbe suscitare alcun clamore, se non per la discordanza du ruoli che ha interpretato dal 2011 circa. E’ proprio durante quegli anni che avviene la sua maturazione e, dopo una pausa dovuta forse anche al suo matrimonio, le sue scelte attoriali cambiano drasticamente.

Il primo film da ricordare è quindi il già citato The Lincoln Lawyer, tratto dal già ottimo Avvocato di difesa di Michael Connelly. McConaughey interpreta un avvocato con atteggiamenti poco etici alle prese con un ragazzo ricco e prepotente accusato di violenze su una prostituta, ma che si professa innocente.

L’interpretazione che fornisce in questo film, in Killer Joe, e in Bernie, tutti e tre del 2011, è davvero da evidenziare, in quanto da questo momento in poi si dimostrerà capace di una grande diversità di ruoli e notevoli performance drammatiche. Una duttilità poco presente prima d’allora.

Persino in Magic Mike, dove interpreta il proprietario di uno spogliarello maschile molto ambizioso, ci regala un’ottima interpretazione. Ma è nel 2013 che la sua carriera compie il grande balzo, quando impersona l’omofobo cowboy malato di AIDS, Ron Woodroof . La sceneggiatura di Dallas Buyers Club era stata scritta già da molti anni e circolava già negli studios ma era stata rifiutata almeno cento volte. McConaughey fa letteralmente suo questo film e per quattro anni cerca i finanziamenti per la produzione, riuscendo finalmente nel suo intento.

Il film, oltre che di essere nel suo pacchetto complessivo una grande prova di cinematografia, mostra tutte le abilità di McConaughey sul grande schermo. Per interpretare il ruolo, oltre alla bravura “da copione”, mette in mostra un grande sforzo fisico; perse infatti ben 23 kg, per cercare di riflettere la malattia. Il film gli è valso sia un Golden Globe che un Oscar come miglior attore protagonista, soffiato a Di Caprio per The Wolf of Wall Street.

Con Jared Leto in Dallas Buyers Club

Altra eccezionale perla della sua carriera è la serie True Detective, dove interpreta Rust, collega di Marty, impersonato da Woody Harrelson. In questa prima eccezionale stagione si assiste all’andamento degli ultimi 17 anni delle vite dei due detective. Anni segnati da una lunga e infinita caccia a un serial killer in Louisiana. Inutile ripetere quanto sia bella e curata questa serie. Due interpretazioni profonde che sfoggiano tutta la grandezza degli attori e dei loro personaggi. Scene ed atmosfere molto cupe che non ci fanno staccare gli occhi dallo schermo un solo attimo; inebrianti.

Con Woody Harrelson in True Detective

Lo stesso anno, 2014, lavora al fianco di Christophen Nolan in Interstellar, film che molto ha fatto discutere critica e pubblico; dove Matthew regala, al di là delle discussioni, un’interpretazione più che godibile. I suoi ultimi due film sono Gold e La torre Nera, ma entrambi non spiccano né hanno estremamente appassionato il pubblico. L’ultimo in particolare è stato stroncato dalla critica e si è rivelato un vero e proprio flop. Quello che speriamo possa essere solo un piccolo incidente di percorso, in vista di un futuro di grandi interpretazioni.

In Gold

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here