8 grandi film rovinati dai tagli degli studios

Condividi l'articolo

7) C’era una volta in America (Once upon a time in America) – Sergio Leone (1984)

7eK74wqe7wwBZfnc8tF6iHdpz9f

Sembra incredibile, ma l’ultimo capolavoro del maestro Sergio Leone non ha avuto particolare successo nelle sale cinematografiche. Il colossale progetto del regista italiano si è scontrato infatti contro le esigenze dello Studio, che attraverso il produttore Arnon Milchan ha mutilato pesantemente la pellicola poi presentata nei cinema statunitensi, portandola dalle quasi quattro ore dell’originale a soli 139 minuti, decretando un marcato insuccesso al botteghino e recensioni negative da parte della critica.

In Europa, dove venne distribuita la versione voluta da Leone, si ottenne invece un ottimo responso in sala. Nonostante anche questa sia stata oggetto di tagli da parte del regista, con i suoi 229 minuti è stata per molto tempo l’unica vera versione del capolavoro senza tempo del regista italiano.

Nel 2012 è stata rilasciata una versione restaurata dalla Cineteca di Bologna, che ha aggiunto 25 minuti di scene tagliate e ripristinato il doppiaggio originale, perduto nelle ultime versioni home video.

LEGGI ANCHE:  The Other Side of the Wind: online il trailer dell'incompiuto film di Orson Welles