John Landis è stufo dei film Marvel e scettico sul Dark Universe

Condividi l'articolo

john landisJohn Landis ha fatto la storia del cinema americano ed ogni suo giudizio merita una riflessione importante.

Il regista del leggendario Un lupo americano a Londra ha rivelato di essere scettico sul progetto Dark Universe della Universal. Ecco le sue parole:


“Prima di tutto, non è un’idea nuova. Se ricordate Universal negli anni ’40, dopo aver fatto tutti i suoi classici, ha cominciato a incrociare le storie. La casa degli orrori, House of Frankenstein, Frankenstein contro l’uomo lupo – Vi ricordate come li chiamavano? Monster rallies (raduno dei mostri)! (ride) E l’ironia è il modo in cui consideravano i film come Gianni e Pinotto contro Frankenstein, che erano molto divertenti e avevano grande rispetto dei mostri. Sapete, penso che forse, uno dei problemi del Dark Universe di Universal sia che non abbia rispetto per i mostri.”


Inoltre, il regista ha criticato la scelta di affidare a Tom Cruise il ruolo di protagonista nel remake de La Mummia, sostenendo che affidare tale ruolo all’attore è stato controproducente, poiché il film è diventato lo show personale di Cruise e non un film horror.

LEGGI ANCHE:  Mission Impossible 6: il regista McQuarrie parla degli sviluppi del film

Ma le critiche non si fermano qui. Landis ha voluto lanciare una stoccata anche al Marvel Cinematic Universe, sostenendo che:


“Se devo dire la verità sono annoiato a morte dal Marvel Universe adesso. Tutti i film di supereroi tendono a essere intercambiabili, vedi sempre distruzioni di massa di città e grandiosi effetti speciali creati in CGI, ma potresti prendere una sequenza da uno a caso di questi film e metterla in un altro, nessuno se ne accorgerebbe. Sono film fatti molto bene, ma continui a rivedere sempre le stesse cose. Uno dei motivi per cui Wonder Woman è stato accolto così bene dai critici è che non distrugge nessuna città! (ride) Anche l’aspetto eroico è su una scala molto umana, si tratta di dei! Non vediamo grattacieli che rotolano!”


E voi cosa ne pensate? Ha ragione John Landis?